Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
Home arrow Ricerca Giuridica arrow CCNL agricoltura
CCNL agricoltura

CCNL agricoltura - la scheda sintetica del contratto collettivo nazionale di lavoro per gli operai dell'agricoltura, la retribuzione, l'inquadramento dei lavoratori e la disciplina del rapporto di lavoro

● Fonti di riferimento

c.c.n.l. 6 luglio 2006

accordo 25 maggio 2010 rinnovo

accordo 30 luglio 2012 apprendistato professionalizzante


● Parti stipulanti 

CONFAGRICOLTURA, COLDIRETTI, CIA, Federazione nazionale dei proprietari conduttori in economia, Federazione nazionale affittuari conduttori in economia, Federazione nazionale dei conduttori in forme associative e altre tipologie di imprese, e Flai-Cgil, Fai-Cisl, Uila-Uil


 

● Decorrenza e durata

1° gennaio 2010 - 31 dicembre 2013


● Campo di applicazione

Imprese condotte in forma singola, societaria o, comunque, associata che svolgono attività agricole, nonché attività affini e connesse, comprese le aziende florovivaistiche e le imprese che svolgono lavori di creazione, sistemazione e manutenzione del verde pubblico e privato. In particolare, imprese considerate agricole ai sensi dell'art. 2135 del codice civile e delle altre disposizioni di legge vigenti, quali, a titolo esemplificativo:

- le aziende ortofrutticole;

- le aziende oleicole;

- le aziende zootecniche e di allevamento di animali di qualsiasi specie;

- le aziende di allevamento pesci ed altri organismi acquatici (acquacoltura);

- le aziende vitivinicole;

- le aziende funghicole;

- le aziende casearie;

- le aziende tabacchicole;

- le aziende faunistico-venatorie;

- le aziende agrituristiche;

- le aziende di servizi e di ricerca in agricoltura.

Sono florovivaistiche le aziende:

1) vivaistiche produttrici di piante olivicole, viticole e da frutto, ornamentali e forestali;

2) produttrici di piante ornamentali da serra;

3) produttrici di fiori recisi comunque coltivati;

4) produttrici di bulbi, sementi di fiori, piante portasemi, talee per fiori e piante ornamentali.

 

INQUADRAMENTO DEL LAVORATORE

 

Aree

Livelli

Declaratorie contrattuali

A) Operai agricoli

 

Area 1ª

 

Lavoratori in possesso di titolo o di specifiche conoscenze e capacità professionali che consentono loro di svolgere lavori complessi o richiedenti specifica specializzazione.


Area 2ª

 

Lavoratori che svolgono compiti esecutivi variabili non complessi per la cui esecuzione occorrono conoscenze e capacità professionali - acquisite per pratica o per titolo - ancorché necessitanti di un periodo di pratica.


Area 3ª

 

Lavoratori capaci di eseguire solo mansioni generiche e semplici non richiedenti specifici requisiti professionali.


B) Operai florovivaisti

Area 1ª

 

Lavoratori in possesso di titolo o di specifiche conoscenze e capacità professionali che consentono loro di svolgere lavori complessi o richiedenti specifica specializzazione.


 

Livello "a" - ex specializzato super


- Ibridatore-selezionatore: l'operaio che, con autonomia esecutiva ed elevata competenza professionale acquisita per pratica o per titolo, esegue incroci varietali per ottenere ibridi di 1ª generazione selezionati, assicurando un'attività lavorativa polivalente (come ibridatore e selezionatore) con responsabilità operativa limitata al ciclo di lavorazione assegnatogli.

- Conduttore-meccanico di macchine agricole operatrici complesse: l'operaio che, fornito di patente di guida, con autonomia esecutiva ed elevata competenza professionale acquisita per pratica o per titolo, oltre alla guida ed all'uso anche su strada di macchine agricole operatrici complesse che svolgono più operazioni, provvede alla manutenzione e riparazioni ordinarie delle suddette macchine, svolgendo un'attività lavorativa polivalente (come conduttore e come meccanico).

- Conduttore-meccanico di autotreni o di autoarticolati: l'operaio che, con autonomia esecutiva ed elevata competenza professionale acquisita per pratica o per titolo, oltre alla guida di autotreni, autoarticolati od automezzi di portata superiore a 75 q, provvede alla loro manutenzione e riparazioni ordinarie effettuabili con le attrezzature messe a disposizione dalla azienda, svolgendo un'attività lavorativa polivalente.

- Aiutante di laboratorio: l'operaio che, con autonomia esecutiva ed elevata competenza professionale acquisita per pratica o per titolo e polivalenza delle prestazioni, esegue le operazioni di laboratorio riferite alle analisi dei terreni, o alle colture in vitro o ai test sanitari sulle piante.

- Potatore "artistico" di piante: l'operaio che, con autonomia esecutiva ed elevata competenza professionale acquisita per pratica o per titolo, esegue la potatura artistica-figurativa di piante ornamentali od alberi di alto fusto.

- Giardiniere: l'operaio che, con autonomia esecutiva ed elevata competenza professionale acquisita per pratica o per titolo, per la realizzazione di un impianto individua i lavori di sistemazione del terreno, le concimazioni necessarie, i semi, i tipi di piante e la eventuale cura delle malattie delle stesse, la forma e le dimensioni delle aiuole, la direzione dei viali, i materiali necessari, la dislocazione delle prese di acqua nonché i relativi tempi nella esecuzione. Inoltre, predispone ed esegue i lavori di cui sopra con responsabilità dei lavori assegnatigli.

- Conduttore di caldaie a vapore: colui che, in possesso di apposito certificato legale di abilitazione di 1º e 2º grado, con autonomia esecutiva ed elevata competenza professionale, manovra e controlla i dispositivi che regolano il funzionamento delle caldaie a vapore, provvede alla manutenzione ed alle necessarie riparazioni ordinarie, svolgendo un'attività lavorativa polivalente.


 

Livello "b" - ex specializzati


- Vivaisti

- Potatore

- Innestatori e ibridatori

- Preparatori di miscele semplici e composte per trattamenti antiparassitari

- Selezionatori di piante innestate

- Conduttori patentati di autotreni - automezzi - trattori

- Conduttori di caldaia con patente diversa dal 1º e 2º grado

- Meccanici

- Elettricisti

- Spedizionieri

- Costruttori di serre


Area 2ª


 

Lavoratori che svolgono compiti esecutivi variabili non complessi per la cui esecuzione occorrono conoscenze e capacità professionali - acquisite per pratica o per titolo - ancorché necessitanti di un periodo di pratica.


 

Livello "c" - ex qualificati super


- Addetti agli impianti termici

- Aiuti innestatori in grado di provvedere autonomamente alla preparazione delle marze


 

Livello "d" - ex qualificati


- Tutti gli aiuti degli operai di cui al livello "b"

- Preparatori di acqua da irrorazioni

- Irroratori portatori di lancia per trattamenti antiparassitari

- Imballatori

- Conduttori di piccoli trattori e di mezzi meccanici semoventi

- Trapiantatori di piante ornamentali adulte con zolla


Area 3ª


 

Appartengono a quest'area i lavoratori addetti a mansioni generiche e semplici, non richiedenti specifici requisiti professionali.


 

Livello "e" - ex comuni


 

 

L'individuazione di eventuali e ulteriori profili professionali, il loro inquadramento nelle aree professionali, l'attribuzione dei parametri per ciascuno dei profili sono affidati ai contratti provinciali.

Nei contratti provinciali dovranno essere precisate le mansioni proprie dei vivaisti e l'inquadramento dei "giardinieri" il cui profilo professionale non corrisponda a quello individuato per il giardiniere specializzato super.

Per i lavoratori ai quali il datore di lavoro conferisca l'incarico di capo, i contratti provinciali stabiliranno un'apposita maggiorazione salariale.


Mutamento, cumulo di mansioni e passaggio alla categoria superiore

Operai agricoli

Adibizione a mansioni previste per il profilo professionale con livello retributivo inferiore:  spettano i diritti e la retribuzione del profilo di assunzione.

Adibizione a mansioni previste per il profilo professionale con livello retributivo superiore: spetta, per tutto il periodo in cui vengono svolte dette mansioni, il trattamento corrispondente all'attività svolta. Spetta altresì il diritto al nuovo profilo professionale in caso di svolgimento continuativo di detta nuova attività per un periodo di 20 giorni lavorativi, oppure saltuariamente per almeno due volte per un periodo complessivo non inferiore a 40 giorni lavorativi nel corso di un anno.

Ai fini del passaggio al profilo professionale con livello retributivo superiore non vengono conteggiate le giornate prestate in sostituzione di operai assenti con diritto alla conservazione del posto per il periodo di tempo in cui dura la stessa.

Florovivaisti

Adibizione a mansioni previste per il profilo professionale con livello retributivo inferiore:  spettano i diritti e la retribuzione del profilo professionale di appartenenza.

Adibizione a mansioni previste per il profilo professionale con livello retributivo superiore: spetta il trattamento economico previsto dal c.c.n.l. per tale profilo professionale. Il profilo professionale con livello retributivo superiore spetta soltanto dopo aver svolto tali mansioni per un periodo di:

- 25 giorni nel caso di passaggio tra i profili professionali all'interno della stessa area 1ª e nel caso di passaggio tra i profili professionali dell'area 2ª a quelli dell'area 1ª;

- 15 giorni se il passaggio avviene all'interno dei profili professionali dell'area 2ª e della 3ª area e nel caso di passaggio dall'area 3ª all'area 2ª.

I termini di 25 e 15 giorni possono anche essere raggiunti nell'anno e nella stessa azienda in più periodi.

 

LA RETRIBUZIONE LIVELLI E DISCIPLINA DEGLI ASPETTI RETRIBUTIVI

 

·       Divisore orario: 169

·       Divisore giornaliero: 26

·       Retribuzione: salario contrattuale, definito dai contratti provinciali, generi in natura o valore corrispettivo per gli operai a tempo indeterminato, quando corrisposti per contratto o consuetudine; terzo elemento per gli operai a tempo determinato.

·       L'ex salario integrativo provinciale, nella misura stabilita dai contratti integrativi provinciali vigenti all'atto della stipula del c.c.n.l. 6 luglio 2006, è congelato in cifra.

·       Terzo elemento operai a tempo determinato: compete quale corrispettivo dei seguenti istituti calcolati su 312 giorni lavorativi: festività nazionali e infrasettimanali, 5,45%; ferie, 8,33%; 13ª mensilità, 8,33%; 14ª mensilità, 8,33%. La misura del terzo elemento, in percentuale, è calcolata sul salario contrattuale come definito dal contratto provinciale.

·       Operai florovivaisti: il salario è riferito alla paga oraria.



Variazioni retributive per le varie decorrenze


Aree professionali

Minimi mensili 1/1/2011

Minimi orari 1/1/2007

1

1.200,00

7,20

2

1.100,00

6,60

3

750,00

6,20


I salari contrattuali vigenti nelle singole province al 1° maggio 2010 sono incrementati:

- dal 1° maggio 2010 del 2,5%

- dal 1° gennaio 2011 dell'1,6%


Le imprese non aderenti alla bilateralità dal 1° luglio 2010 devono corrispondere una quota aggiuntiva di retribuzione, esclusa dal TFR, di euro 13,00 mensili (0,50 giornaliere).


Scatti di anzianità

Maturazione: 5 scatti biennali.

Decorrenza: dal mese immediatamente successivo a quello di compimento del biennio.

Passaggio al profilo professionale con livello retributivo superiore: l'operaio conserva il numero degli scatti già maturati ed ha diritto alla loro rivalutazione qualora l'importo previsto per il nuovo profilo professionale sia più elevato; ha, altresì, diritto a ulteriori scatti, sino al raggiungimento del numero massimo.

Importi mensili (frazionabili a ora e/o a giornata): € 9,89, operai comuni; € 11,36, operai qualificati; € 11,93, operai qualificati super; € 12,50, operai specializzati; € 12,78, operai specializzati super.


Indennità

- Rimborsi spese trasporto: Il lavoratore ha diritto a un compenso che dovrà essere almeno pari ad 1/5 del prezzo del carburante per chilometro di percorrenza.

- Indennità di trasferta: Debbono essere rimborsate a piè di lista, previa documentazione, le spese per vitto, alloggio, viaggio. Diverse modalità di rimborso possono essere stabilite dai contratti integrativi che possono prevedere la forfettizzazione anziché il rimborso a piè di lista delle spese vive sostenute, nonché disciplinare il rimborso spese in caso di rientro in giornata.

Il tempo impiegato per il viaggio è considerato lavorativo a tutti gli effetti.


□ Retribuzione ultramensile


Tredicesima mensilità

Corresponsione: in coincidenza con il Natale e comunque non oltre il 23 dicembre

Misura: una mensilità di retribuzione globale mensile ordinaria in atto nel mese di dicembre

Per gli operai a tempo determinato la 13ª mensilità è compresa nella percentuale relativa al 3º elemento 

Maturazione: per dodicesimi, le frazioni di mese superiori a 15 giorni valgono come mese intero.


Quattordicesima mensilità

Corresponsione: il 30 aprile 

Misura: retribuzione in atto a giugno

Maturazione: per dodicesimi, le frazioni di mese superiori a 15 giorni valgono mese intero.

Per gli operai a tempo determinato la 14ª mensilità è compresa nella percentuale relativa al 3º elemento.

 

LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO

 

Prova


Area

Durata

1

26 giorni

2

20 giorni

3

14 giorni

Apprendistato professionalizzante:

pari a quello previsto per la categoria finale di destinazione al cui conseguimento è finalizzato il contratto.


(*) Giorni lavorativi


□ Orario di lavoro


Orario settimanale (non applicabile ai lavori di mietitura e di trebbiatura in quelle province in cui tali lavori sono disciplinati da accordi collettivi speciali)

39 ore settimanali pari a ore 6,30 giornaliere. 

I contratti provinciali di lavoro possono prevedere:

- per gli operai addetti alle stalle e alle attività agrituristiche, particolari modalità applicative dell'orario di lavoro;

- la distribuzione dell'orario settimanale su cinque giorni o una riduzione dell'orario giornaliero nella giornata del sabato, facendo salve le attività zootecniche ed anche per periodi limitati dell'anno. Le ore non lavorate, in dette ipotesi, vengono aggiunte all'orario ordinario da effettuarsi nei rimanenti giorni della settimana.


Giorni festivi

Oltre a quanto previsto dalla legge sono considerate festive le domeniche e la ricorrenza del Santo Patrono; per i florovivaisti, se la ricorrenza cade di domenica o in giorno festivo infrasettimanale, si considera festivo il giorno feriale susseguente.

Per gli operai a tempo determinato il trattamento economico per le festività è compreso nella percentuale relativa al 3º elemento quando non vi sia prestazione di lavoro, in caso contrario spetta la retribuzione per le ore di lavoro effettivamente eseguite, e la maggiorazione per il lavoro festivo.

Per gli operai a tempo determinato: le festività sono conglobate nel 3º elemento.


Flessibilità

L'orario settimanale può essere computato anche come durata media in un periodo non superiore a dodici mesi, con la possibilità di distribuire l'orario ordinario per una o più settimane in misura superiore e per le altre, a compensazione, in misura inferiore.

La variabilità dell'orario è consentita nel limite di 75 ore annue, con un massimo di orario settimanale di 44 ore. Modalità e criteri sono demandati alla contrattazione provinciale.


Banca ore

E' consentito ai lavoratori che effettuano prestazioni di lavoro straordinario di optare per il percepimento delle sole maggiorazioni previste, maturando correlativamente il diritto a riposi compensativi delle prestazioni effettuate, equivalenti sul piano dei costi, da utilizzare compatibilmente con le esigenze organizzative dell'azienda e del mercato entro i termini, nelle quote e con le modalità definite dalla contrattazione provinciale.

Qualora si renda impossibile il godimento dei riposi entro i termini previsti, al lavoratore deve essere corrisposta comunque la retribuzione ordinaria per le ore accantonate nella banca ore e non fruite.


□ Lavoro straordinario, notturno e festivo maggiorazioni


Operai agricoli

Le maggiorazioni sono da calcolare sulla retribuzione: salario contrattuale ed eventuali generi in natura. Nei casi in cui la retribuzione è composta anche dal terzo elemento, questo viene corrisposto anche per le ore straordinarie, festive e notturne, ma nella misura in atto per le ore ordinarie.


Tipologia della prestazione

Percentuale di maggiorazione

straordinario

25%

straordinario festivo

40%

notturno

40%

festivo

35%

festivo notturno

45%


Il lavoro straordinario è ammesso entro il limite massimo individuale di 250 ore annuali e non può superare le 2 ore giornaliere e le 12 settimanali in casi di pregiudizio alle colture e alla produzione.

Lavoro straordinario e festivo: è effettuato soltanto per particolari esigenze dell'azienda e può essere compiuto solo su esplicita richiesta e autorizzazione.

Lavoro notturno definizione: il lavoro svolto dalle 20,00 alle ore 6,00 nei periodi in cui è in vigore l'ora solare e dalle ore 22,00 alle ore 5,00 nei periodi in cui è in vigore l'ora legale. 

Per il lavoro notturno e/o festivo che cada in regolari turni periodici e riguardante mansioni specifiche rientranti nelle normali attribuzioni del lavoratore, si farà luogo soltanto a una maggiorazione del 10 per cento.

Per speciali lavori da eseguirsi di notte e nei giorni festivi i contratti provinciali possono stabilire un'adeguata particolare tariffa in luogo alle maggiorazioni.


Operai florovivaisti

Le maggiorazioni sono da calcolare sulla retribuzione: salario contrattuale ed eventuale terzo elemento che viene corrisposto anche per le ore straordinarie, festive e notturne, ma nella misura in atto per le ore ordinarie.


Tipologia della prestazione

Percentuale di maggiorazione

straordinario

29%

straordinario festivo

50%

notturno

48%

festivo

40%

festivo notturno

55%


Il lavoro straordinario è ammesso entro il limite massimo individuale di 250 ore annuali e non può superare le 2 ore giornaliere e le 12 settimanali in casi di pregiudizio alle colture e alla produzione.

Lavoro notturno definizione: il lavoro svolto dalle 20,00 alle ore 6,00. 

Per il lavoro notturno che cada in regolari turni periodici o riguardante mansioni specifiche rientranti nelle normali attribuzioni del lavoratore e che, per loro natura e per esigenze tecniche debbono eseguirsi anche di notte, si fa luogo soltanto a una maggiorazione del 10 per cento.


□ Ferie e permessi annui


Ferie

26 giorni lavorativi


Festività soppresse

E' corrisposta oltre alla retribuzione normalmente dovuta, una giornata di paga ordinaria, eccezione fatta per i casi ove non vi sia effettiva prestazione lavorativa.

E' possibile convenire:

a) che la prestazione di lavoro svolta nelle predette 4 giornate di festività soppresse possa essere compensata, invece che con la giornata di paga ordinaria aggiuntiva, attraverso giornate di riposo, il cui godimento sarà tra le parti concordato, tenendo conto delle esigenze aziendali;

b) che sia preventivamente concordata tra le parti la non effettuazione della prestazione lavorativa nelle giornate di festività soppresse, nel qual caso sarà corrisposta al lavoratore soltanto la retribuzione giornaliera normalmente dovuta.


□ Assenze


Malattia

- comporto: 180 giorni nell'anno.

- trattamento economico operai agricoli: è corrisposto dalla Cassa integrazione "extra legem" un trattamento atto a garantire l'80% del salario giornaliero contrattuale, in vigore al 1º febbraio dell'anno in corso;

- trattamento economico operai florovivaisti: per un un massimo di 90 giornate in un anno in aggiunta al trattamento di legge, compete dal 1° giorno un'indennità giornaliera, nella misura del 25% del salario giornaliero contrattuale in vigore al 1º febbraio dell'anno in corso.

Tale indennità sarà corrisposta dal giorno in cui si è verificata la malattia, se questa si protrae oltre il terzo giorno.

Apprendistato professionalizzante 

- trattamento economico: come gli operai.


Infortunio sul lavoro

- comporto: fino alla guarigione clinica e, in ogni caso, non oltre dodici mesi dall'infortunio.

- trattamento economico operai agricoli: è corrisposto dalla Cassa integrazione "extra legem" un trattamento atto a garantire dal 4° al 14° giorno l'80% del salario giornaliero contrattuale, in vigore al 1º febbraio dell'anno in corso, elevato al 100% dal 15° giorno;

- trattamento economico operai florovivaisti: dal quarto giorno e sino a un massimo di 180 giornate compete il 100% del salario giornaliero contrattuale in vigore al 1º febbraio dell'anno in corso

Apprendistato professionalizzante 

- trattamento economico: 80% della retribuzione.


Maternità

ll c.c.n.l. rinvia alle leggi vigenti in materia.


Congedo matrimoniale

Lavoratore con contratto a tempo indeterminato: 10 giorni retribuiti,

lavoratore con contratto a tempo determinato: 7 giorni di calendario retribuiti.


Partecipazione a corsi

Per la partecipazione a corsi per formazione professionale di interesse agrario, istituiti da enti qualificati e riconosciuti e per la formazione continua spettano 200 ore per triennio usufruibili anche in un solo anno.

Il numero di lavoratori di ogni singola azienda che può fruire del congedo formativo non può superare 1 unità per le aziende che hanno da 4 a 10 operai a tempo indeterminato e il 10% per le aziende che hanno più di 10 operai a tempo indeterminato. 

Per la partecipazione a corsi di recupero scolastico e di apprendimento della linqua italiana per gli stranieri è concesso un permesso retribuito di 150 ore nell'arco di un triennio, usufruibili anche in un solo anno.

Il numero degli operai di ogni singola azienda che può beneficiare dei permessi non può superare nello stesso momento 1 unità, per le aziende che hanno da 4 a 10 operai a tempo indeterminato, e il 10% per le aziende che hanno più di 10 operai a tempo indeterminato.


□ Lavoro a tempo parziale


Orario di lavoro

Non può essere inferiore a:

1) per prestazioni settimanali: 24 ore;

2) per prestazioni mensili: 72 ore;

3) per prestazioni annuali: 500 ore.

I contratti provinciali possono individuare particolari tipologie di lavori per le quali è possibile assumere con prestazioni di durata inferiore.


Lavoro supplementare

È consentito se giustificato da esigenze organizzative o produttive aziendali. Non deve superare, nell'anno, il 25% rispetto all'orario ridotto concordato, ed è retribuito con la maggiorazione del 15 per cento. Le ore di lavoro prestate oltre tale limite sono retribuite con la maggiorazione del 35 per cento.


Clausole elastiche e flessibili

La modifica della collocazione temporale della prestazione lavorativa (clausola flessibile) e la variazione in aumento della durata della prestazione lavorativa (clausola elastica) devono essere di regola comunicate al lavoratore con un preavviso di almeno 5 giorni, 2 gorni in caso di oggettiva urgenza. Le ore di lavoro prestate in attuazione delle clausole elastiche o flessibili sono retribuite con una maggiorazione del 15 per cento.


□ Contratto a tempo determinato


Definizioni

Sono operai a tempo determinato:

a) gli operai assunti, ad esempio, per la esecuzione di lavori di breve durata, stagionali o a carattere saltuario o assunti per fase lavorativa o per la sostituzione di operai assenti per i quali sussista il diritto alla conservazione del posto;

b) gli operai assunti per l'esecuzione di più lavori stagionali e/o per più fasi lavorative nell'anno, ai quali l'azienda è comunque tenuta a garantire un numero di giornate di occupazione superiore a 100 annue. In tal caso nel contratto debbono essere indicati i periodi presumibili di impiego, per i quali l'operaio garantisce la sua disponibilità pena la perdita del posto di lavoro nelle fasi successive e della garanzia occupazionale, salvo comprovati casi di impedimento oggettivo;

c) gli operai assunti originariamente con contratto di lavoro a termine di durata superiore a 180 giornate di effettivo lavoro, da svolgersi nell'ambito di un unico rapporto continuativo.

Gli operai di cui alle lett. b) e c) possono essere retribuiti con le stesse modalità previste per gli operai a tempo indeterminato. I ratei di 13ª e 14ª mensilità sono proporzionati alle giornate lavorate e rapportati a 312 giorni lavorativi annui.


Casi di ammissibilità

- Per l'esecuzione di lavori di breve durata, stagionali o a carattere saltuario, o per fase lavorativa, o per la sostituzione di operai assenti per i quali sussista il diritto alla conservazione del posto;

- per l'esecuzione di più lavori stagionali e/o per più fasi lavorative nell'anno, con garanzia di occupazione minima superiore a 100 giornate annue, nell'arco di 12 mesi dalla data di assunzione;

- contratti di durata superiore a 180 giornate di effettivo lavoro, da svolgersi nell'ambito di un unico rapporto continuativo.

Per "fase lavorativa" si intende il periodo di tempo limitato alla esecuzione delle singole operazioni fondamentali in cui si articola il ciclo produttivo annuale delle principali colture agrarie della provincia (es. aratura, potatura, raccolta dei prodotti, ecc.); l'individuazione delle fasi lavorative più rilevanti che si riscontrano nelle colture agrarie tipiche della provincia e delle eccezioni alla garanzia di occupazione dell'operaio assunto per fase lavorativa è demandata al contratto provinciale.


Periodo di prova

2 giorni lavorativi per l'operaio assunto con contratto superiore a trenta giorni.


Aspetti retributivi

Quale corrispettivo dei seguenti istituti, calcolati su 312 giorni lavorativi, agli operai a tempo determinato compete il terzo elemento:

- festività nazionali e infrasettimanali: 5,45%;

- ferie: 8,33%;

- 13ª mensilità: 8,33%;

- 14ª mensilità: 8,33%;

Totale: 30,44%

La misura del terzo elemento, in percentuale, è calcolata sul salario contrattuale così come definito dal contratto provinciale.


Malattia e infortunio

Agli operai florovivaisti compete lo stesso trattamento dei lavoratori a tempo indeterminato a partire dal 31º giorno dalla data di assunzione e per la durata di 45 giornate in un anno.


Trattamento di fine rapporto

All'operaio a tempo determinato compete il t.f.r. per l'effettivo lavoro ordinario svolto, pari all'8,63% calcolato sul salario contrattuale definito dal contratto provinciale; per le ore di lavoro non ordinario, svolto a titolo non occasionale, tale misura è elevata al 10% del salario contrattuale, limitatamente alle anzidette ore. In entrambi i casi il t.f.r. non si calcola sul terzo elemento.


□ Apprendistato professionalizzante


Dal 30 luglio 2012


Durata


Area

1° periodo

2° periodo

3° periodo

Durata complessiva

Prima

12 mesi

12 mesi

12 mesi

36 mesi

Seconda

12 mesi

12 mesi

12 mesi

36 mesi

Terza

-

12 mesi

12 mesi

24 mesi


Per la 3ª area il contratto di apprendistato professionalizzante può essere instaurato limitatamente al livello professionale più elevato previsto dalla contrattazione provinciale.


Inquadramento e retribuzione

- Nel primo periodo: due livelli sotto quello di destinazione finale;

- nel secondo periodo: un livello sotto quello di destinazione finale;

- nel terzo periodo: al livello di destinazione finale.

Agli apprendisti appartenenti alle categorie degli operai agricoli sono corrisposti gli istituti contrattuali delle mensilità aggiuntive, delle festività, del t.f.r., di malattia e infortunio, delle ferie e della bilateralità nazionale e territoriale con le stesse modalità previste per gli operai a tempo indeterminato.


□ Contratto di inserimento


Trattamento retributivo e categoria di inquadramento

Non inferiore per più di due livelli rispetto alla categoria spetta ai lavoratori con qualificazioni corrispondenti a quelle al conseguimento delle quali è preordinato il progetto di inserimento/reinserimento.


Durata del contratto

Minimo 9 mesi, massimo 18 mesi, che èpossono essere ridotte in caso di reinserimento di soggetti con professionalità compatibili.


□ Lavoro a domicilio

Non disciplinato


□ Somministrazione di lavoro


Casi di ammissibilità

A fronte di ragioni di carattere tecnico, produttivo, organizzativo o sostitutivo, anche se riferibili all'ordinaria attività dell'impresa agricola utilizzatrice; a titolo esemplificativo:

a) attuazione di adempimenti tecnici, contabili, amministrativi, commerciali, non ordinari o non prevedibili, cui non sia possibile far fronte con l'organico in servizio;

b) esigenze di lavoro per la partecipazione a fiere, mostre e mercati finalizzati alla pubblicizzazione e alla vendita dei prodotti aziendali;

c) sostituzione di lavoratori temporaneamente inidonei a svolgere le mansioni;

d) sostituzione di lavoratori assenti;

e) esigenze non programmabili relative alla manutenzione straordinaria nonché al mantenimento e/o al ripristino della funzionalità e della sicurezza delle attrezzature e degli impianti aziendali;

f) necessità non programmabili e/o non prevedibili di attività lavorative urgenti connesse ad andamenti climatici atipici e/o calamità, all'aumento temporaneo dell'attività e/o a commesse ed ordinativi straordinari, cui non sia possibile far fronte con i lavoratori in organico;

g) impossibilità o indisponibilità all'assunzione di lavoratori iscritti nelle liste di collocamento del centro per l'impego competente;

h) temporanea utilizzazione in mansioni e profili professionali non previsti dai normali assetti produttivi aziendali.


Limiti

2 unità per ogni azienda. In aggiunta il numero massimo di lavoratori somministrati che può essere utilizzato mediamente in ciascun trimestre dell'anno è pari al 15% delle unità risultanti dal rapporto tra il totale delle giornate di lavoro rilevate in azienda nell'anno precedente e l'unità equivalente (pari a 270 giornate).

Le frazioni di unità vanno arrotondate all'unità superiore.


□ Lavoro stagionale

Non disciplinato


□ Lavoro intermittente

Non disciplinato


□ Telelavoro

Non disciplinato


□ Lavoro ripartito

Non disciplinato


□ Estinzione del rapporto


Preavviso

2 mesi in caso di licenziamento

1 mese in caso di dimissioni;


Trattamento di fine rapporto

Operaio a tempo indeterminato: il ccnl richiama la disciplina di legge in materia e, per il servizio prestato anteriormente al 1º giugno 1982, rinvia alle disposizioni previste in merito alla indennità di anzianità dai contratti collettivi nazionali e provinciali preesistenti.

 

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 
faccialibrodef.jpg



mod_vvisit_countervisite oggi2965
mod_vvisit_counterDal 12/06/0914716258

domiciliazioniprevprof.jpg

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata

Cerca Professionisti