Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
Home arrow Casse Professionali arrow Cass. Civ. Sez. Lav. n. 7086/2007
Cass. Civ. Sez. Lav. n. 7086/2007

Argomenti correlati

 

 

 

la CNAPDC - il sito istituzionale

 

la sentenza del tribunale di Fermo in materia di riliquidazione pensione


la riliquidazione della quota reddituale


l'aumento della base pensionabile e il pro rata

 

la normativa della CNPADC


giurisprudenza sulla previdenza dei dottori commercialisti

 

 

VEDI TUTTI GLI ARTICOLI SU CASSA COMMERCIALISTI

 

IN EVIDENZA:

 


La Cassazione boccia il contributo di solidarietà

Con 5 pronunce rese sul finire dell'anno 2009, la Suprema Corte ha dichiarato l'illegittimità del contributo di solidarietà imposto dalla Cassa Comemrcialisti e dalla Cassa Ragionieri in occasione delle recenti riforme dei sistemi di previdenza. Così facendo la Cassazione ha avvalorato i principi già ampiamente esposti dai giudici del merito.

Chiedi il rimborso del contributo di solidarietà
 

illegittimo l'aumento dei redditi in base pensionabile

Con 45 sentenze dell'aprile 2011, la Suprema Corte ha affermato l'illegittimità della norma regolamentare che, violando il criterio del pro rata, ha disposto l'incremento del numero dei redditi da inserire in base pensionabile

 
 
 
LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE
SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:
Dott. RAVAGNANI    Erminio                       -  Presidente   -  
Dott. LA TERZA     Maura                    -  rel. Consigliere  -  
Dott. CELLERINO    Giuseppe                      -  Consigliere  -  
Dott. CURCURUTO    Filippo                       -  Consigliere  -  
Dott. TOFFOLI      Saverio                       -  Consigliere  -  
ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso proposto da:
CASSA NAZIONALE DI PREVIDENZA ED ASSISTENZA PER I DOTTORI  COMMERCIALISTI, in persona del suo Presidente Dott. P.A.,  elettivamente domiciliata in ROMA VIALE DELLE MILIZIE 38, presso lo  studio dell'Avv. FOSSA' GIANGUIDO, che la difende, giusta mandato  speciale a margine del ricorso;

ricorrente –

contro

M.A., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA DON MINZONI  9, presso lo studio dell'Avv. AFELTRA ROBERTO, che lo difende  unitamente all'Avv. STARA SERGIO, giusta procura speciale a margine  del controricorso;

controricorrente –

avverso la sentenza n. 587/04 della Corte d'Appello di CAGLIARI del  23.6.04, depositata il 03/08/04; 
udito per il ricorrente l'Avv. FOSSA Gianguido che si riporta al  ricorso; 
viste le conclusioni scritte del Sostituto Procuratore Generale Dott.  GAETA PIETRO che ha concluso per la manifesta infondatezza del  ricorso;
è presente il P.G. in persona del Dott. PATRONE IGNAZIO che conferma  le conclusioni scritte.

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con la sentenza in epigrafe indicata la Corte d'appello di Cagliari confermava la statuizione resa dal locale Tribunale, con cui era stata accolta la domanda proposta da M.A. nei confronti della Cassa Nazionale di Previdenza e Assistenza dei dottori commercialisti per ottenere la pensione di vecchiaia di cui alla L. n. 100 del 1963, art. 25 a seguito della domanda presentata il 27 dicembre 1996. Sia il primo, sia il secondo Giudice, disattendendo le contestazioni della Cassa, accertavano la effettività e continuità dell'esercizio dell'attività professionale per gli anni dal 1963 al 1996, sulla base sia della copiosa documentazione prodotta, sia delle prove testimoniali effettuate in appello.
Avverso detta sentenza la Cassa soccombente propone ricorso affidato ad un unico motivo, illustrato da memoria.
Il M. resiste con controricorso illustrato da memoria.
La causa è stata rimessa alla camera di consiglio ex art. 375 c.p.c. ed il Procuratore Generale ha concluso per la manifesta infondatezza del ricorso.

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con l'unico motivo, denunziando violazione ed erronea applicazione della L. n. 21 del 1986, art. 22 e difetto di motivazione, la Cassa lamenta che i Giudici di merito non abbiano distinto i due periodi, ossia quello anteriore e quello successivo al 1986, perché in relazione alla L. n. 21 del 1986, a differenza di quanto previsto dalla precedente L. n. 100 del 1963, non vige più la presunzione di esercizio della professione derivante dalla ininterrotta iscrizione alla Cassa e dal versamento del contributo minimo. Non sarebbe stato accertato, nel secondo periodo, l'esercizio della professione con continuità, perché tutta la documentazione prodotta si riferiva solo al primo periodo.
Il ricorso è manifestamente infondato, dal momento che la sentenza impugnata ha esaminato anche la documentazione relativa agli anni successivi al 1986: attività contabile svolta per la Fisar s.r.l. tra il 1975 ed al 1989, redazione della contabilità e dei bilanci per la società D.K.S. dal 1981 al 1995, desumendo da essi l'esercizio con continuità dell'attività professionale. Il ricorso va quindi rigettato.
Le spese del giudizio, liquidate come da dispositivo, seguono la soccombenza.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso e condanna il ricorrente al pagamento delle spese liquidate in Euro 30,00, oltre Euro duemila per onorari, oltre Iva, CPA e spese generali. Così deciso in Roma, il 31 gennaio 2007.

Depositato in Cancelleria il 22 marzo 2007
 
Argomenti correlati:
 
 
 
 

Argomenti correlati

 

 

 

la CNAPDC - il sito istituzionale

 

la sentenza del tribunale di Fermo in materia di riliquidazione pensione


la riliquidazione della quota reddituale


l'aumento della base pensionabile e il pro rata

 

la normativa della CNPADC


giurisprudenza sulla previdenza dei dottori commercialisti

 

 

VEDI TUTTI GLI ARTICOLI SU CASSA COMMERCIALISTI

 

IN EVIDENZA:

 


La Cassazione boccia il contributo di solidarietà

Con 5 pronunce rese sul finire dell'anno 2009, la Suprema Corte ha dichiarato l'illegittimità del contributo di solidarietà imposto dalla Cassa Comemrcialisti e dalla Cassa Ragionieri in occasione delle recenti riforme dei sistemi di previdenza. Così facendo la Cassazione ha avvalorato i principi già ampiamente esposti dai giudici del merito.

Chiedi il rimborso del contributo di solidarietà
 

illegittimo l'aumento dei redditi in base pensionabile

Con 45 sentenze dell'aprile 2011, la Suprema Corte ha affermato l'illegittimità della norma regolamentare che, violando il criterio del pro rata, ha disposto l'incremento del numero dei redditi da inserire in base pensionabile

 




Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 


PER EVENTUALE ASSISTENZA LEGALE E' POSSIBILE CONTATTARE IL CURATORE DEL PORTALE PREVIDENZA PROFESSIONISTI AI RECAPITI INDICATI IN
 

faccialibrodef.jpg



domiciliazioniprevprof.jpg

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata

Cerca Professionisti