Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
Home arrow Ricerca Giuridica arrow art 183 cpc la prima udienza del nuovo processo civile
art 183 cpc la prima udienza del nuovo processo civile

Argomenti correlati

 

le memorie e le repliche ex art. 183 cpc

atto integrativo del contraddittorio


riconvenzionale della riconvenzionale



Nell'udienza di cui all'art. 183 cpc il giudice:

in via preliminare

controlla la regolare instaurazione del processo e la regolare costituzione e comparizione delle parti

controlla la validità dell'atto di citazione e della domanda riconvenzionale

rileva d'ufficio l'incompetenza per materia territorio inderogabile e valore

ordina l'integrazione del contraddittorio;

dichiara la nullità dell'atto di citazione (per vizio della vocatio in ius e/o della editio actionis) ordinando la rinnovazione della notificazione, il differimento dell'udienza nel rispetto dei termini per la costituzione del convenuto o l'integrazione delle domande nulle, fissando nuova udienza;

assegna un termine per la costituzione della persona cui spetta la rappresentanza o l'assistenza, per il rilascio delle necessarie autorizzazioni, per il rilascio della procura alle liti o per la rinnovazione della stessa;

fissa, in caso di domanda congiunta delle parti, nuova udienza per il tentativo di conciliazione;

all'udienza,

dopo le fasi preliminari

Il giudice sollecita i chiarimenti necessari e indica le questioni rilevabili d'ufficio di cui ritiene opportuna la trattazione;

l'attore, a pena di decadenza, può proporre le domande riconvenzionali che conseguano alla domanda riconvenzionale avversaria o al titolo che fonda le eccezioni del convenuto e può chiedere l'autorizzazione alal chiamata di terzo, se l'esigenza è sorta dalle difese del convenuto;

le parti possono precisare e modificare le domande le eccezioni e le conclusioni svolte

il giudice, successivamente ammette i mezzi di prova ammissibili e rilevanti, fissando l'udienza per la loro assunzione;

decide la causa (o la rimette al collegio per la decisione) se la ritiene già matura (in quanto è superflua l'istruttoria o se vi sono preliminari di merito o pregiudiziali di rito che la possono definire);

se richiesto dalle parti concede:

a) termine perentorio di trenta giorni per depositare memorie per la precisazione e modificazione delle domande delle eccezioni e delle conclusioni già svolte,
b) un secondo termine perentorio di trenta giorni per repliche alle domande eccezioni e conclusioni modificate dalla controparte e per svolgere le eccezioni che ne conseguono nonchè per formulare le richieste di prova e per produrre documenti;
c) un termine ulteriore di venti giorni per la prova contraria;

Argomenti correlati

 

le memorie e le repliche ex art. 183 cpc

atto integrativo del contraddittorio


riconvenzionale della riconvenzionale



 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 
faccialibrodef.jpg



mod_vvisit_countervisite oggi2976
mod_vvisit_counterDal 12/06/0914716269

domiciliazioniprevprof.jpg

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata

Cerca Professionisti