Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
Home arrow Ricerca Giuridica arrow contratto collettivo elettrici
contratto collettivo elettrici

● Fonti di riferimento

ccnl 5 marzo 2010

accordo 18 febbraio 2013 rinnovo


● Parti stipulanti 

Assoelettrica - Associazione Nazionale delle Imprese elettriche; Federutility - Federazione delle Imprese Energetiche e Idriche; Enel S.p.A. in nome e per conto delle Società da essa controllate non associate in Assoelettrica; GSE - Gestione Servizi Energetici S.p.A.; So.G.I.N. - Società Gestione Impianti Nucleari S.p.A.; Terna - Rete Elettrica Nazionale S.p.A. e Filctem-Cgil - Federazione Italiana Lavoratori Chimici Energia e Manifatture; Flaei-Cisl - Federazione Lavoratori Aziende Elettriche Italiane; Uiltec-Uil - Unione Italiana Lavoratori Chimici Energia Manifatturiero


● Decorrenza e durata

1° gennaio 2013 - 31 dicembre 2015


● Campo di applicazione

Imprese elettriche che svolgono attività di produzione, trasformazione, trasporto, distribuzione e vendita di energia elettrica, produzione e fornitura del servizio calore, esercizio/manutenzione/smantellamento delle centrali elettronucleari e attività connesse e alle società di ingegneria costituite da imprese del settore e che svolgono la propria attività esclusivamente per il settore elettrico.

Per attività di produzione, si intende: esercizio, gestione e manutenzione degli impianti di produzione dell'energia elettrica comunque prodotta e da qualsiasi fonte generata, ivi compresi impianti di cogenerazione termovalorizzazione e fonti rinnovabili (eolica, fotovoltaica, biomasse, ecc.). Sono altresì inclusi gli impianti di natura sperimentale e quelli finalizzati all'abbattimento delle emissioni in atmosfera ed alla loro captazione e segregazione.

Per attività di trasformazione e trasporto, si intende: esercizio, gestione e manutenzione di reti elettriche - ivi compresa la gestione unificata della rete di trasmissione nazionale - e di altre infrastrutture a tali reti connesse, comprensive delle linee di trasporto e delle stazioni di trasformazione.

Per attività di distribuzione e di vendita, di energia elettrica si intende: esercizio, costruzione, manutenzione e gestione delle reti di distribuzione e dei relativi dispositivi di interconnessione; connessione alle reti di distribuzione e fornitura delle prestazioni e dei servizi necessari; vendita di energia elettrica, ivi compresa l'attività dell'acquirente unico, e del gestore del mercato elettrico ed attività degli operatori elettrici della borsa elettrica.

Per attività e vendita di calore, si intende: gestione e manutenzione degli impianti di produzione di energia termica mediante centrali di cogenerazione, abbinate a impianti di teleriscaldamento.

 

 

INQUADRAMENTO DEI LAVORATORI

 

Categoria

Declaratorie contrattuali

   

QS e Q

Lavoratori titolari di posizioni organizzative di maggior rilievo che hanno un ruolo di raccordo tra la struttura dirigenziale ed il restante personale e svolgono funzioni di particolare importanza per il più elevato contenuto professionale delle mansioni, intendendosi per tali quelle nelle quali sono fortemente presenti facoltà di rappresentanza, funzioni di sovraintendenza e coordinamento di altri lavoratori, autonomia nella gestione di risorse ovvero contenuti specialistici particolarmente elevati.

La categoria si articola su due livelli in funzione del differente grado di contenuti manageriali e/o specialistici delle mansioni esercitate, cui corrispondono due livelli retributivi.


AS superiore

Lavoratori che svolgono mansioni che, pur avendo le stesse caratteristiche di quelle della categoria AS, hanno un contenuto professionale di maggior rilievo per il più elevato grado di presenza di: facoltà di rappresentanza attribuita dall'azienda; funzioni di sovrintendenza e di coordinamento di altri lavoratori; contenuto specialistico particolarmente elevato delle mansioni.


AS

- Lavoratori che svolgono mansioni di concetto con funzioni direttive di particolare importanza per la loro ampiezza e natura, oppure per la rilevante dimensione dell'unità cui sono preposti in relazione alla struttura organizzativa dell'azienda, ovvero mansioni di particolare importanza per il contenuto specialistico che implichino responsabilità di identico livello.


A1 superiore

Lavoratori che svolgono mansioni che, pur avendo le stesse caratteristiche di quelle della categoria A1, hanno un contenuto professionale di maggior rilievo per il più elevato grado di presenza di: facoltà di rappresentanza attribuita dall'azienda; funzioni di sovraintendenza e di coordinamento di altri lavoratori; contenuto specialistico particolarmente elevato delle mansioni.


A1

Lavoratori che svolgono mansioni di concetto con funzioni direttive o mansioni rilevanti per il contenuto specialistico che implichino responsabilità di identico livello.


BS superiore

Lavoratori che svolgono funzioni che, pur avendo le stesse caratteristiche di quelle della categoria BS, hanno un contenuto professionale di maggior rilievo per il più elevato grado di presenza di: facoltà di rappresentanza attribuita dall'azienda; funzioni di sovrintendenza e di coordinamento di altri lavoratori; contenuto specialistico particolarmente elevato delle mansioni.


BS

Lavoratori che svolgono funzioni di concetto di particolare importanza per la loro ampiezza e natura oppure per la rilevante estensione dell'ufficio, del reparto o dell'impianto cui sono addetti in relazione alla struttura organizzativa dell'azienda.


B1 superiore

Lavoratori che svolgono funzioni che, pur avendo le stesse caratteristiche di quelle della categoria B1, hanno un contenuto professionale di maggior rilievo per il più elevato grado di presenza di facoltà di: rappresentanza attribuita dall'azienda; funzioni di sovraintendenza e di coordinamento di altri lavoratori; contenuto specialistico particolarmente elevato delle mansioni.


B1

Lavoratori che svolgono funzioni di concetto nonché lavori tecnico-manuali specializzati che richiedono una specifica competenza conseguibile attraverso una notevole esperienza pratica di lavoro congiunta a conoscenze teoriche comunque acquisite.


B2 superiore

Lavoratori che svolgono funzioni che, pur avendo le stesse caratteristiche di quelle della categoria B2, assumono un contenuto professionale di maggiore rilievo anche per la maturazione di una esperienza di mestiere.


B2

Lavoratori che eseguono lavori che richiedono una qualificata e provetta capacità tecnico-pratica o amministrativa conseguibile attraverso un necessario tirocinio o mediante preparazione avuta in scuole professionali e che, comunque, compiono a regola d'arte i lavori di maggiore importanza, relativi alla loro specialità di mestiere.


CS

Lavoratori che eseguono lavori od operazioni d'ordine, di carattere tecnico-manuale od amministrativo, che richiedono una specifica capacità conseguibile attraverso un adeguato tirocinio o mediante preparazione avuta in scuole professionali.


C1

Lavoratori ai quali si richiedono capacità conseguibili con un breve tirocinio per eseguire lavori d'ordine di carattere amministrativo o tecnico-manuale.


C2

Lavoratori che eseguono lavori semplici di carattere amministrativo, nonché che eseguono operazioni semplici di carattere tecnico-manuale, anche di fatica ed gli addetti ai lavori di facchinaggio e di pulizia, questi ultimi eseguiti anche con l'uso di idonee apparecchiature.


 

I lavoratori inquadrati in categoria C2 passano in categoria C1 decorsi 6 mesi dalla data di assunzione.

 

GLI ASPETTI DELLA RETRIBUZIONE

 

 

□ Retribuzione mensile


·       Divisore orario: 168,60

·       Divisore giornaliero: 26

·       Retribuzione: stipendio o paga, (minimi, aumenti periodici di anzianità e di merito, importi "ad personam" riferiti agli ex istituti contrattuali dei supplementi dei minimi, aumenti biennali/scatti di anzianità), ex indennità di contingenza, e.d.r. confederale.

·       Quadri: i minimi per i 2 livelli sono comprensivi degli importi denominati "livelli di funzione".



Variazioni retributive per le varie decorrenze


Quadri - Impiegati - Operai

Livelli

Minimo 1/4/2012

Minimo 1/1/2014

Minimo 1/1/2015

Minimo 1/12/2015

E.d.r.

QS

3208,52

3275,25

3341,99

3408,72

10,33

Q

2879,21

2939,10

2998,98

3058,87

10,33

ASS

2541,37

2594,23

2647,09

2699,94

10,33

AS

2378,64

2428,11

2428,11

2477,59

10,33

A1S

2278,62

2326,01

2373,41

2420,80

10,33

A1

2174,19

2219,42

2264,64

2309,86

10,33

BSS

2070,44

2113,51

2156,57

2199,64

10,33

BS

1982,18

2023,41

2064,64

2105,87

10,33

B1S

1888,79

1928,07

1967,36

2006,64

10,33

B1

1803,96

1841,48

1879,00

1916,52

10,33

B2S

1684,72

1719,76

1754,80

1789,84

10,33

B2

1567,58

1600,19

1632,79

1665,40

10,33

CS

1389,90

1418,81

1447,72

1476,63

10,33

C1

1257,94

1284,10

1310,27

1336,43

10,33

C2

1159,25

1183,36

1207,47

1231,58

10,33


Con il rinnovo 2013 i minimi sono costituiti dal valore conglobato dei minimi e dell’indennità di contingenza.


Scatti di anzianità

Maturazione: 5 scatti biennali.

Decorrenza: dal mese immediatamente successivo a quello di compimento del biennio.

Passaggio di categoria: sono mantenuti in cifra gli scatti maturati.

Importi: cat. QS: € 49,01; cat. Q: € 46,33; cat. ASS: € 43,07; cat. AS: € 39,82; cat. A1S: € 37,86; cat. A1: € 35,74; cat. BSS: € 33,72; cat. BS: € 31,97; cat. B1S: € 30,16; cat. B1: € 28,46; cat. B2S: € 26,13; cat. B2: € 23,81; cat. CS: € 20,30; cat. C1: € 17,66; cat. C2: €15,75.


Erogazione aggiuntiva

E’ corrisposta con la retribuzione di settembre 2014 e di settembre 2015, ai lavoratori in forza alle medesime date indicate:


Categoria

Settembre 2014

Settembre 2015

QS

177,96

504,23

Q

159,70

452,48

ASS

140,96

399,38

AS

131,93

373,81

A1S

126,39

358,09

A1

120,59

341,68

param. Medio

120,00

340,00

BSS

114,84

325,38

BS

109,94

311,51

B1S

104,76

296,83

B1

100,06

283,50

B2S

93,44

264,76

B2

86,95

246,35

CS

77,09

218,43

C1

69,77

197,69

C2

64,30

182,18


Indennità


- Indennità rischio cassa/maneggio danaro: compete ai cassieri ed ai commessi di cassa a contatto col pubblico che abbiano continuativamente maneggio o responsabilità di denaro con responsabilità diretta in caso di errore finanziario, nella misura del 5,50% della retribuzione mensile.

- Indennità per l'utilizzo del certificato di abilitazione alla conduzione di generatori di vapore: compete ai lavoratori ai quali sia richiesto per lo svolgimento delle proprie mansioni il possesso del certificato  ed è corrisposta, per ogni giornata di presenza in servizio, nella misura del 3% del minimo tabellare giornaliero.

- Indennità di turno: per turni continui avvicendati con prestazioni alternate diurne e notturne (due prestazioni diurne ed una notturna) 11% di minimo tabellare e contingenza; per turni che impegnino due prestazioni giornaliere 5,5% di minimo tabellare e contingenza, con riposo settimanale di domenica 3,6%; per altri particolari turni avvicendati la misura dell'indennità è definita a livello aziendale salve le percentuali dell'11 e del 5,5% per le fattispecie a esse collegate. 

Indennità di uscita dal turno: in caso di soppressione dei posti in turno per ristrutturazione aziendale le indennità sono mantenute ad personam in cifra fissa nella misura non rivalutabile del 10% per ogni anno di lavoro svolto in turno, sino ad un massimo del 100%. E' assorbibile e utile per il calcolo del tfr.

- Indennità lavori sotto tensione: per lo svolgimento di lavori sotto tensione sulla rete AT o MT è riconosciuta un'indennità del 25% (6,5% per abilitazioni rilasciate per un ambito di competenze più limitato) del minimo tabellare giornaliero per ogni giornata di presenza in servizio. Le indennità sono cumulabili con l'indennità lavori gravosi.

Indennità per l'utilizzo di certificati di qualificazione per l'esecuzione di saldature: compete ai lavoratori cui sia richiesta l'acquisizione ed il mantenimento della validità dei certificati di qualificazione nella misura di € 0,77 per ogni giornata di presenza in servizio, purchè siano in possesso dei requisiti richiesti.

Indennità "capo-formazione": ai lavoratori di categoria B2 superiore (o di B2 in assenza di B2 superiore) che svolgano funzioni di preposto alla guida di formazioni nell'ambito dei nuclei/squadre di distribuzione, è corrisposta una indennità giornaliera di € 1,55. L'indennità compete anche ai preposti alla guida di formazioni di: montatori cabine, giuntisti, pronto intervento, anche quando tali formazioni non siano inserite nei nuclei, nonchè di formazioni addette alla manutenzione di impianti primari.


□ Retribuzione ultramensile


Premio di risultato 

E' determinato in sede aziendale, deve essere collegato alla presenza in servizio e all'inquadramento, va erogato nel mese di luglio di ogni anno. Non ha riflessi su alcun istituto contrattuale e sul tfr.


Tredicesima mensilità

Corresponsione: nel mese di dicembre

Misura: una mensilità della retribuzione in atto. Turnisti, devono essere computate, anche nel caso di temporanea sospensione dell'attività della centrale o del gruppo: l'indennità di turno del mese di dicembre; l'indennità per le ore notturne (maggiorate del 35%) calcolata sulla media delle ore prestate nel trimestre settembre-novembre.

Maturazione: per dodicesimi, le frazioni di mese superiori a 15 giorni valgono come mese intero, mentre quelle inferiori non vendono considerate.


Quattordicesima mensilità

Corresponsione: nel mese di giugno

Misura: una mensilità della retribuzione in atto. Turnisti, devono essere computate, anche nel caso di temporanea sospensione dell'attività della centrale o del gruppo: l'indennità di turno del mese di giugno; l'indennità per le ore notturne (maggiorate del 35%) calcolata sulla media delle ore prestate nel trimestre marzo-maggio.

Maturazione: per dodicesimi, le frazioni di mese superiori a 15 giorni valgono come mese intero, mentre quelle inferiori non vendono considerate.


□ Arretrati e una tantum

Ai lavoratori in forza al 1° aprile 2013, spetta un'importo forfettario non utile ai fini del tfr né degli altri istituti contrattuali. L'una tantum va erogata con la retribuzione del mese di aprile 2013 nelle seguenti misure: QS 111,23; Q 99,81; ASS 88,10; AS 82,46; A1S 78,99; A1 75,37; param. medio 75,00; BSS 71,77; BS 68,71; B1S 65,48; B1 62,54; B2S 58,40; B2 54,34; CS 48,18; C1 43,61; C2 40,19.

 

LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO

 

Prova


Mesi sei per i lavoratori dei livelli Quadri e del gruppo A

Mesi tre per i lavoratori degli altri livelli.


□ Orario di lavoro


Orario settimanale

38 ore settimanali con ripartizione, di norma, dal lunedì al venerdì.

Il c.c.n.l. detta la disciplina per lo spostamento del riposo settimanale.



Turnisti e semiturnisti

40 ore settimanali.

Sono turnisti coloro che operano in turni continui avvicendati con prestazioni alternate diurne e notturne.

Sono semi turnisti coloro che opearno in turni di lavoro con solo due prestazioni giornaliere.


Giorni festivi

Oltre a quanto previsto dalla legge è considerata festiva la ricorrenza del Santo Patrono. Qualora la stessa coincida con il lunedì dopo Pasqua, è concesso un giorno di festa sostitutivo nel martedì successivo.


Flessibilità

In caso di flessibilità multiperiodale le ore settimanali programmabili oscillano nella fascia da 30 a 46 ore con compensazione a livello annuo e con la maggiorazione del 20% sulla retribuzione oraria per le ore prestate oltre la 40ª.


Banca ore 

Possono esservi accantonate le ore di lavoro straordinario prestate oltre le 80 annue. Per le ore che confluiscono nella banca-ore spetta una maggiorazione in misura pari al 50% di quella prevista per il lavoro straordinario. 

Non si applica in concomitanza con l'applicazione di regimi di orario multiperiodale.


Reperibilità

L'accordo 5 marzo 2010 prevede una dettagliata disciplina comprendente le relative indennità, la reperibilità notturna e quella "speciale".


□ Lavoro straordinario, notturno, festivo maggiorazioni


Le maggiorazioni, sono da calcolare sulla quota oraria della retribuzione.


Tipologia della prestazione

Percentuale di maggiorazione

a) straordinario:

 

- feriale diurno 

50%

- festivo diurno 

60%

- feriale notturno

60%

- notturno festivo 

75%

b) notturno:

50%

c) festivo

60%


Le percentuali di maggiorazione non sono cumulabili.

Il limite individuale annuo allo straordinario è di 150 ore; eventuali ore eccedenti danno titolo a corrispondenti riposi compensativi.

E' lavoro notturno quello compiuto dalle 20 alle 6.


Turnisti: In caso di assenza dal servizio per ferie, malattia o infortunio o altro motivo retribuito a norma di contratto, deve essere erogata, oltre all'indennità di turno, la maggiorazione del 35% della retribuzione oraria per le ore notturne previste dal piano di turno. In caso di uscita dal turno la maggiorazione viene mantenuta con le medesime modalità di calcolo dell'indennità prevista per la fattispecie. Per gli addetti a turni continui avvicendati, anche per due prestazioni diurne con spostamento del riposo domenicale, compete, per ogni ora di lavoro ordinario effettivamente prestato nella giornata di domenica, un'indennità del 70% del minimo tabellare orario cumulabile con la maggiorazione per lavoro notturno ed inclusa nel computo del tfr..

Guardiadighe: Per ogni ora di lavoro ordinario effettivamente prestato di domenica è riconosciuta un'indennità del 70% del minimo tabellare orario.


□ Ferie e permessi annui


Ferie

Orario di lavoro in cinque giorni settimanali dal lunedì al venerdì 

- 20 giorni lavorativi, con anzianità fino a 8 anni compiuti;

- 1 ulteriore giorno lavorativo per ogni anno di anzianità oltre gli 8, fino a un massimo di 24 giorni lavorativi.

Dal computo dei giorni è escluso il sabato che è considerato giornata non lavorativa;

Orario di lavoro in sei giorni settimanali

- 24 giorni lavorativi, con anzianità fino a 8 anni compiuti;

- 1 ulteriore giorno lavorativo per ogni anno di anzianità oltre gli 8, fino a un massimo di 26 giorni lavorativi.

Durante la fruizione delle ferie competono, ove esistenti, gli assegni "ad personam" per "riduzione orario", nonché le indennità fisse mensili.


Festività soppresse

A fronte delle ex festività spettano 4 giorni di permesso retribuito all'anno da godere entro il 30 aprile dell'anno successivo. 


Riduzione orario di lavoro (ROL)

E' pari a 160 ore annue per i turnisti, 76 ore annue per i semi turnisti

Per le aziende che già applicavano la ROL per il personale turnista di 160 ore, i lavoratori in servizio al 24 luglio 2001 ed addetti a turni continui avvicendati con prestazioni alternate diurne e notturne, hanno altresì diritto a 6 giorni di permesso retribuito all'anno, 7 giorni nei confronti dei lavoratori turnisti già fruitori di permessi speciali in tale misura.

Ai lavoratori turnisti che prestano la loro opera in centrali termiche o in caverna in condizioni di particolare gravosità o disagio competono fino ad un massimo di 4 giorni di permesso 

I giorni di permesso sono assorbibili in caso di ulteriori e future riduzioni d'orario derivanti da contrattazione collettiva o provvedimenti legislativi.


□ Assenze


Malattia

Comporto: a) 12 mesi (360 giorni), b) 18 mesi (540 giorni) con pluralità di episodi morbosi, c) 32 mesi (960 giorni) nel caso di malattie oncologiche, sclerosi multipla, distrofia muscolare, morbo di Cooley entro l'arco massimo di 36 mesi consecutivi. Superati detti periodi può essere concessa un'aspettativa non retribuita fino a un massimo di 12 mesi.

Trattamento economico: 

a) intera retribuzione per 12 mesi (360 giorni), elevati a 18 (540 giorni)  in caso di malattie oncologiche, sclerosi multipla, distrofia muscolare, morbo di Cooley o a degenze ospedaliere

b) intera retribuzione fino a 18 mesi (540 giorni)  per pluralità di eventi morbosi, o, in caso di malattie oncologiche, sclerosi multipla, distrofia muscolare, morbo di Cooley, fino a 24 mesi (720 giorni) e il 70% della retribuzione per un ulteriore periodo massimo di 8 mesi (240 giorni).


Infortunio sul lavoro e malattia professionale

Comporto: fino a guarigione clinica.

Trattamento economico: 100% della retribuzione sino alla guarigione clinica.


Maternità

Per il periodo di astensione obbligatoria, 100% della retribuzione del mese precedente a quello di inizio dell'astensione.


Congedo matrimoniale

15 giorni consecutivi di calendario retribuiti.


Diritto allo studio

Sono concessi permessi retribuiti in misura da concordarsi aziendalmente.


Permessi retribuiti

Possono essere concessi in occasione di eventi di carattere familiare e personale di particolare importanza (esempio: nascita, visite selettive e attitudinali di leva, visite mediche di controllo da parte dei competenti Organismi del Servizio sanitario nazionale, dell'INPS o dell'INAIL; testimonianze in processi civili o penali per cause di servizio conguagliandosi, in quest'ultimo caso, la retribuzione con l'importo delle indennità eventualmente percepite dal lavoratore).


Aspettativa

Per motivi da valutarsi in via discrezionale dall'azienda può essere concesso un periodo di aspettativa fino al massimo di un anno, senza alcuna corresponsione né decorrenza di anzianità a qualsiasi fine.



□ Lavoro a tempo parziale


Clausole elastiche e flessibili

L'azienda ha facoltà di attuarle con un preavviso non inferiore a 72 ore. Le ore di lavoro prestate in applicazione delle clausole flessibili sono compensate con la maggiorazione del 20% della retribuzione oraria, quelle con clausole elastiche - fino ad un massimo di 34 ore settimanali - sono compensate entro i limiti del 15% della durata settimanale del part-time con la maggiorazione del 20% della retribuzione oraria; per le ore eccedenti compete la maggiorazione del 40%..


Lavoro supplementare

E' ammesso entro il limite massimo del 30% dell'orario annuo stabilito per ciascun lavoratore a tempo parziale. Le ore di lavoro supplementare effettuate entro il limite del 15% della durata settimanale del part-time sono retribuite come ore ordinarie, alle ore eccedenti si applica la maggiorazione del 40% della retribuzione oraria, con eventuali conguagli a livello annuale.



□ Contratto a tempo determinato


Limiti

Il numero dei lavoratori con contratto a termine non può superare il 7% in media annua dei lavoratori con contratto a tempo indeterminato occupati nell'impresa al 31 dicembre dell'anno precedente (9% in media annua per le aziende del Mezzogiorno), nelle seguenti specifiche ipotesi:

a) esecuzione di particolari commesse che, per la loro specificità, richiedono l'impiego di professionalità e specializzazioni diverse da quelle normalmente impiegate dall'azienda;

b) per copertura di necessità straordinarie connesse all'introduzione di innovazioni tecnologiche ed all'avvio di processi di riorganizzazione e di riconversione;

c) esecuzione di attività di installazione o montaggio soggette a particolari condizioni climatico-ambientali che non consentono la protrazione delle lavorazioni in altro periodo dell'anno;

d) esigenze connesse alla partecipazione a mostre, fiere e manifestazioni o altri eventi particolari (conventions, congressi, ecc.).

Le predette percentuali possono essere incrementate fino al limite massimo aggiuntivo del 4% in media annua per specifiche esigenze con accordo sindacale, se trattasi di singola unità produttiva e comunque fino a 5 prestatori di lavoro.


Avvio di nuove attività

Si intende un periodo di tempo fino a 18 mesi che può essere incrementato fino a 36 mesi con particolare riferimento alle aziende e/o unità produttive operanti nel Mezzogiorno e in caso di costruzione/riconversione di impianti di produzione.


Malattia e infortunio non sul lavoro

La conservazione del posto è limitata a un periodo massimo pari a un quarto della durata del contratto e comunque non si estende oltre la scadenza del termine apposto al contratto.


□ Apprendistato professionalizzante


Condizioni

Le imprese che occupano più di 10 dipendenti devono aver mantenuto in servizio almeno il 70 per cento dei lavoratori il cui contratto di apprendistato sia terminato nei 36 mesi precedenti. Per le assunzioni fino a 10 dipendenti nei 36 mesi precedenti si applica l’art. 2, comma 3bis, D.Lgs. n. 167/2011.


Durata e inquadramento retributivo


Liv. di destinazione/Durata complessiva

Primo periodo

Secondo periodo

Terzo periodo

 

durata

livello retrib.

durata

liv. retrib.

durata

liv.retrib.

A1/26 mesi

fino a 18 mesi

BSS

dal 19º al 26º mese

A1

   

A1/24 mesi

fino a 18 mesi

BSS

dal 19º al 24º mese

A1

   

B1/36 mesi 

fino a 12 mesi

B2

dal 13º al 24º mese

B2S

Dal 25° al 36° mese

B1

CS/36 mesi

fino a 23 mesi

C1

dal 24º al 36º mese

CS

   

Dopo un primo periodo lavorativo/formativo di 9 mesi trascorso dall'inizio dell'apprendistato, può essere attribuita la qualifica PES (persona esperta); la possibilità di intervenire come monoperatore anche al di fuori dell'orario di lavoro presuppone un ulteriore periodo lavorativo/formativo anch’esso di 9 mesi, sulla scorta dell'esperienza che l'apprendista ha acquisito per essere stato inserito come PES nei turni di reperibilità.


Periodo di prova

3 mesi, ridotto della metà qualora si tratti di apprendista che nel corso di precedente rapporto abbia frequentato corsi formativi inerenti il profilo professionale da conseguire.


Malattia o infortunio

Conservazione del posto anche nei casi di pluralità di episodi morbosi: 135 giorni di calendario per apprendistato fino a 26 mesi, 180 giorni per apprendistato fino a 36 mesi.


□ Contratto di inserimento


Condizioni

Aver mantenuto in servizio almeno il 70% dei lavoratori il cui contratto di inserimento sia venuto a scadere nei diciotto mesi precedenti.


Durata

18 mesi elevata a 36 mesi nel caso di lavoratori con "grave handicap" fisico/mentale/psichico.


Inquadramento

Non può essere inferiore per più di due livelli rispetto a quella spettante a lavoratori addetti alle mansioni per il cui svolgimento è stato stipulato il contratto.


Periodo di prova

3 mesi


Orario di lavoro

38 ore settimanali ovvero di durata proporzionalmente ridotta nell'ipotesi di contratto a tempo parziale;


□ Lavoro a domicilio


Non disciplinato


□ Somministrazione di lavoro


Limiti

9% (12% per le aziende operanti nel Mezzogiorno) in media annua dei lavoratori occupati a tempo indeterminato nell'azienda alla data del 31 dicembre dell'anno precedente per le medesime ipotesi previste per il contratto a termine.

Le predette percentuali possono essere incrementate - in questo caso nel limite massimo aggiuntivo del 4% in media annua - per specifiche esigenze con accordo sindacale. Ferma restando la possibilità di stipulare sino a 5 contratti di somministrazione a tempo determinato.


□ Lavoro stagionale


Non disciplinato


□ Lavoro intermittente


Non disciplinato


□ Telelavoro


- Telelavoro domiciliare, quando l'attività lavorativa viene prestata dal dipendente di norma presso il proprio domicilio;

- Telelavoro da centri o postazioni satellite, quando l'attività lavorativa viene prestata da remoto rispetto alla sede cui fa capo l'attività medesima in termini gerarchici e sostanziali, in ambienti organizzativi e logistici destinati alle prestazioni di telelavoro e non costituenti unità produttive autonome.

Le obbligazioni connesse al rapporto di lavoro possono svilupparsi anche attraverso modalità diverse rispetto a quelle ordinarie sia come collocazione nell'arco della giornata, sia come durata giornaliera della stessa.


□ Lavoro ripartito


Non disciplinato


□ Estinzione del rapporto


Preavviso

In caso di licenziamento:

- mesi 1 per i lavoratori con anzianità fino a 2 anni compiuti;

- mesi 3 per i lavoratori con anzianità da 2 a 10 anni compiuti;

- mesi 4 per i lavoratori con anzianità oltre i 10 anni compiuti.

In caso di dimissioni i termini sono ridotti alla metà.


Trattamento di fine rapporto

Il ccnl richiama la disciplina di legge in materia, includendo espressamente dalla base di calcolo del t.f.r.: minimo contrattuale; ex indennità di contingenza; aumenti periodici di anzianità; ex premio di produzione; tredicesima e quattordicesima mensilità; importi "ad personam" riferiti agli ex istituti contrattuali dei supplementi dei minimi, aumenti biennali/scatti di anzianità e dei livelli salariali di categoria; superminimi individuali/aumenti di merito; elemento distinto della retribuzione (E.d.r.); differenze sui minimi in caso di mutamento mansioni; indennità di reperibilità; controvalore alloggio in caso di concessione dello stesso ai fini di reperibilità; indennità temporanea apprendisti (ex art. 13, comma 5, c.c.n.l.).

 

 

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 
faccialibrodef.jpg



mod_vvisit_countervisite oggi2761
mod_vvisit_counterDal 12/06/0914923575

domiciliazioniprevprof.jpg

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata

Cerca Professionisti