Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
esame DNA

Casi e modi per l'effettuazione dell'esame del DNA nel processo penale o di altri accertamenti medici, il consenso della persona sottoposta ad esame e l'esame coattivo

Argomenti correlati

la testimonianza


l'esame delle parti private


ricognizioni confronti ed esperimenti giudiziali


la perizia


la prova documentale


ispezioni e perquisizioni


il sequestro


le intercettazioni

 

Con riferimento alla questione dell'ammissibilità, nel processo penale, di misure, come l'esame del DNA, idonee ad incidere sulla libertà personale dell'imputato o di terzi, la Corte Costituzionale, con sentenza n 238 del 9 luglio 1996, aveva avuto modo di dichiarare l'illegittimità dell'art. 224 cpp nella parte in cui, senza una previa specificazione per legge dei casi e dei modi, consentiva, per l'appunto, l'esame del DNA.

E' interventuo, nel 2009, il Legislatore ordinario introducendo nel codice di procedura l'art. 224 bis che, per l'appunto, stabilisce casi e modi per disporre l'esame del DNA o altri accertamenti medici idonei ad incidere sulla libertà personale dell'imputato o di terzi.

Segnatamente:

deve trattarsi di delitto non colposo con pena prevista dell'ergastolo o, nel massimo, della reclusione superiore a tre anni; 

deve sussistere il consenso della persona sottoposta ad esame;

in difetto di consenso può disporsi l'esecuzione coattiva solo se l'esame del DNA (o il diverso accertamento invasivo) risulti assolutamente indispensabile;

deve utilizzarsi la tecnica meno invasiva;

è fatto divieto di disporre esami che mettano in pericolo la vita, l'integrità fisica a la salute della persona o del nascituro, ovvero che, secondo la scienza medica, possono provocare sofferenze di non lieve entità;

l'ordinanza che dispone e fissa il giorno dell'esame deve essere notificata almeno tre giorni prima alla persona che vi si sottopone, all'imputato e al suo difensore nonchè alla persona offesa;

L'atto è nullo se la persona sottoposta al prelievo o agli accertamenti non è assistita dal difensore nominato

 

Articolo  224  Bis

Provvedimenti del giudice per le perizie che richiedono il compimento di atti idonei ad incidere sulla libertà personale (1).

1. Quando si procede per delitto non colposo, consumato o tentato, per il quale la legge stabilisce la pena dell'ergastolo o della reclusione superiore nel massimo a tre anni e negli altri casi espressamente previsti dalla legge, se per l'esecuzione della perizia è necessario compiere atti idonei ad incidere sulla libertà personale, quali il prelievo di capelli, di peli o di mucosa del cavo orale su persone viventi ai fini della determinazione del profilo del DNA o accertamenti medici, e non vi è il consenso della persona da sottoporne all'esame del perito, il giudice, anche d'ufficio, ne dispone con ordinanza motivata l'esecuzione coattiva, se essa risulta assolutamente indispensabile per la prova dei fatti.

2. Oltre a quanto disposto dall'articolo 224, l'ordinanza di cui al comma 1 contiene, a pena di nullità:

a) le generalità della persona da sottoporre all'esame e quanto altro valga ad identificarla;

b) l'indicazione del reato per cui si procede, con la descrizione sommaria del fatto;

c) l'indicazione specifica del prelievo o dell'accertamento da effettuare e delle ragioni che lo rendono assolutamente indispensabile per la prova dei fatti;

d) l'avviso della facoltà di farsi assistere da un difensore o da persona di fiducia;

e) l'avviso che, in caso di mancata comparizione non dovuta a legittimo impedimento, potrà essere ordinato l'accompagnamento coattivo ai sensi del comma 6;

f) l'indicazione del luogo, del giorno e dell'ora stabiliti per il compimento dell'atto e delle modalità di compimento.

3. L'ordinanza di cui al comma 1 è notificata all'interessato, all'imputato e al suo difensore nonchè alla persona offesa almeno tre giorni prima di quello stabilito per l'esecuzione delle operazioni peritali.

4. Non possono in alcun caso essere disposte operazioni che contrastano con espressi divieti posti dalla legge o che possono mettere in pericolo la vita, l'integrità fisica a la salute della persona o del nascituro, ovvero che, secondo la scienza medica, possono provocare sofferenze di non lieve entità.

5. Le operazioni peritali sono comunque eseguite nel rispetto della dignità e del pudore di chi vi è sottoposto. In ogni caso, a parità di risultato, sono prescelte le tecniche meno invasive.

6. Qualora la persona invitata a presentarsi per i fini di cui al comma 1 non compare senza addurre un legittimo impedimento, il giudice può dispone che sia accompagnata, anche coattivamente, nel luogo, nel giorno e nell'ora stabiliti. Se, pur comparendo, rifiuta di prestare il proprio consenso agli accertamenti, il giudice dispone che siano eseguiti coattivamente. L'uso di mezzi di coercizione fisica è consentito per il solo tempo strettamente necessario all'esecuzione del prelievo o dell'accertamento. Si applicano le disposizioni dell'articolo 132, comma 2.

7. L'atto è nullo se la persona sottoposta al prelievo o agli accertamenti non è assistita dal difensore nominato

(1) Articolo inserito dall'art. 24 della legge 30 giugno 2009, n. 85.

 





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 
faccialibrodef.jpg



mod_vvisit_countervisite oggi3011
mod_vvisit_counterDal 12/06/0914927637

domiciliazioniprevprof.jpg

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata

Cerca Professionisti