Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
Home arrow Ricerca Giuridica arrow D.Lgs n.626/1994 sulla sicurezza e salute dei lavoratori : Allegati
D.Lgs n.626/1994 sulla sicurezza e salute dei lavoratori : Allegati
 

D.Lgs. 19 settembre 1994, n. 626.
Attuazione delle direttive 89/391/CEE, 89/654/CEE, 89/655/CEE, 89/656/CEE,
90/269/CEE, 90/270/CEE, 90/394/CEE, 90/679/CEE, 93/88/CEE, 97/42/CE e 1999/38/CE
riguardanti il miglioramento della sicurezza e della salute dei lavoratori durante il lavoro

 

ARTICOLI. DA 1 A 49  

ARTICOLI. DA 50 A 98  

ALLEGATI

ALLEGATO I

Casi in cui è consentito lo svolgimento diretto da parte del datore di lavoro dei compiti di prevenzione e protezione dai rischi (art. 10) (73)

1. Aziende artigiane e industriali [1] fino a 30 addetti
2. Aziende agricole e zootecniche. . . fino a 10 addetti [2]
3. Aziende della pesca . . . . . . . . fino a 20 addetti
4. Altre aziende . . . . . . . . . . . fino a 200 addetti

[1] Escluse le aziende industriali di cui all'art. 1 del decreto del Presidente della Repubblica 17 maggio 1988, n. 175, e successive modifiche, soggette all'obbligo di dichiarazione o notifica ai sensi degli articoli 4 e 6 del decreto stesso, le centrali termoelettriche, gli impianti ed i laboratori nucleari, le aziende estrattive ed altre attività minerarie, le aziende per la fabbricazione ed il deposito separato di esplosivi, polveri e munizioni, le strutture di ricovero e cura sia pubbliche sia private.
[2] Addetti assunti a tempo indeterminato.


(73) L'art. 26, D.Lgs. 19 marzo 1996, n. 242, riportato al n. A/XL, ha modificato, come risulta dal testo qui riportato, i rinvii alle note e le note stesse.

ALLEGATO II

Prescrizioni di sicurezza e di salute per i luoghi di lavoro

1. Rilevazione e lotta antincendio.
A seconda delle dimensioni e dell'uso degli edifici, delle attrezzature presenti, delle caratteristiche fisiche e chimiche delle sostanze presenti, nonché del numero massimo di persone che possono essere presenti, i luoghi di lavoro devono essere dotati di dispositivi adeguati per combattere l'incendio, e se del caso, di rilevatori di incendio e di sistemi di allarme.
I dispositivi non automatici di lotta antincendio devono essere facilmente accessibili e utilizzabili.
Essi devono essere oggetto di una segnaletica conforme alla normativa vigente.
Questa segnaletica deve essere apposta nei luoghi appropriati ed essere durevole.
2. Locali adibiti al pronto soccorso.
Qualora l'importanza dei locali, il tipo di attività in essi svolta e la frequenza degli infortuni lo richiedano, occorre prevedere uno o più locali adibiti al pronto soccorso.
I locali adibiti al pronto soccorso devono essere dotati di apparecchi e di materiale di pronto soccorso indispensabili ed essere facilmente accessibili con barelle.
Essi devono essere oggetto di una segnaletica conforme alla normativa vigente.
Il materiale di pronto soccorso deve inoltre essere disponibile in tutti i luoghi in cui le condizioni di lavoro lo richiedano.
Esso deve essere oggetto di una segnaletica appropriata e deve essere facilmente accessibile.

ALLEGATO III

Schema indicativo per l'inventario dei rischi ai fini dell'impiego di attrezzature di protezione individuale

(omissis)

ALLEGATO IV

Elenco indicativo e non esauriente delle attrezzature di protezione individuale

Dispositivi di protezione della testa.
- Caschi di protezione per l'industria (caschi per miniere, cantieri di lavori pubblici, industrie varie);
- Copricapo leggero per proteggere il cuoio capelluto (berretti, cuffie, retine con o senza visiera);
- Copricapo di protezione (cuffie, berretti, cappelli di tela cerata, ecc., in tessuto, in tessuto rivestito, ecc.).

Dispositivi di protezione dell'udito.
- Palline e tappi per le orecchie;
- Caschi (comprendenti l'apparato auricolare);
- Cuscinetti adattabili ai caschi di protezione per l'industria;
- Cuffie con attacco per ricezione a bassa frequenza;
- Dispositivi di protezione contro il rumore con apparecchiature di intercomunicazione.

Dispositivi di protezione degli occhi e del viso.
- Occhiali a stanghette;
- Occhiali a maschera;
- Occhiali di protezione contro i raggi x, i raggi laser, le radiazioni ultraviolette, infrarosse, visibili;
- Schermi facciali;
- Maschere e caschi per la saldatura ad arco (maschere a mano, a cuffia o adattabili a caschi
protettivi).

Dispositivi di protezione delle vie respiratorie.
- Apparecchi antipolvere, antigas e contro le polveri radioattive;
- Apparecchi isolanti a presa d'aria;
- Apparecchi respiratori con maschera per saldatura amovibile;
- Apparecchi ed attrezzature per sommozzatori;
- Scafandri per sommozzatori.

Dispositivi di protezione delle mani e delle braccia.
- Guanti:
contro le aggressioni meccaniche (perforazioni, tagli, vibrazioni, ecc.);
contro le aggressioni chimiche;
per elettricisti e antitermici;
- Guanti a sacco;
- Ditali;
- Manicotti;
- Fasce di protezione dei polsi;
- Guanti a mezze dita;
- Manopole.

Dispositivi di protezione dei piedi e delle gambe.
- Scarpe basse, scarponi, tronchetti, stivali di sicurezza;
- Scarpe a slacciamento o sganciamento rapido;
- Scarpe con protezione supplementare della punta del piede (74);
- Scarpe e soprascarpe con suola anticalore (74);
- Scarpe, stivali e soprastivali di protezione contro il calore (74);
- Scarpe, stivali e soprastivali di protezione contro il freddo (74);
- Scarpe, stivali e soprastivali di protezione contro le vibrazioni (74);
- Scarpe, stivali e soprastivali di protezione antistatici (74);
- Scarpe, stivali e soprastivali di protezione isolanti (74);
- Stivali di protezione contro le catene delle trance meccaniche (74);
- Zoccoli (74);
- Ginocchiere (74);
- Dispositivi di protezione amovibili del collo del piede (74);
- Ghette (74);
- Suole amovibili (anticalore, antiperforazione o antitraspirazione) (74);
- Ramponi amovibili per ghiaccio, neve, terreno sdrucciolevole (74).

Dispositivi di protezione della pelle (74).
- Creme protettive/pomate (74).

Dispositivi di protezione del tronco e dell'addome (74).
- Giubbotti, giacche e grembiuli di protezione contro le aggressioni meccaniche (perforazioni, tagli,
spruzzi di metallo fuso, ecc.) (74);
- Giubbotti, giacche e grembiuli di protezione contro le aggressioni chimiche (74);
- Giubbotti termici (74);
- Giubbotti di salvataggio (74);
- Grembiuli di protezione contro i raggi x (74);
- Cintura di sicurezza del tronco (74).

Dispositivi dell'intero corpo (74).
- Attrezzature di protezione contro le cadute (74);
- Attrezzature cosiddette anticaduta (attrezzature complete comprendenti tutti gli accessori necessari al funzionamento) (74);
- Attrezzature con freno "ad assorbimento di energia cinetica" (attrezzature complete comprendenti tutti gli accessori necessari al funzionamento) (75);
- Dispositivo di sostegno del corpo (imbracatura di sicurezza) (75).

Indumenti di protezione (75).
- Indumenti di lavoro cosiddetti "di sicurezza" (due pezzi e tute) (75);
- Indumenti di protezione contro le aggressioni meccaniche (perforazioni, tagli, ecc.) (75);
- Indumenti di protezione contro le aggressioni chimiche (75);
- Indumenti di protezione contro gli spruzzi di metallo fuso e di raggi infrarossi (75);
- Indumenti di protezione contro il calore (75);
- Indumenti di protezione contro il freddo (75);
- Indumenti di protezione contro la contaminazione radioattiva (75);
- Indumenti antipolvere (75);
- Indumenti antigas (75);
- Indumenti ed accessori (bracciali e guanti, ecc.) fluorescenza di segnalazione, catarifrangenti (75);
- Coperture di protezione (75).

(74) Paragrafi aggiunti dall'art. 27, D.Lgs. 19 marzo 1996, n. 242, riportato al n. A/XL.
(75) Paragrafi aggiunti dall'art. 27, D.Lgs. 19 marzo 1996, n. 242, riportato al n. A/XL.

ALLEGATO V

Elenco indicativo e non esauriente delle attività e dei settori di attività per i quali può rendersi necessario mettere a disposizione attrezzature di protezione individuale

1. PROTEZIONE DEL CAPO (PROTEZIONE DEL CRANIO)

Elmetti di protezione (76).
- Lavori edili, soprattutto lavori sopra, sotto o in prossimità di impalcature e di posti di lavoro sopraelevati, montaggio e smontaggio di armature, lavori di installazione e di posa di ponteggi e operazioni di demolizione;
- Lavori su ponti d'acciaio, su opere edili in strutture d'acciaio di grande altezza, piloni, torri, costruzioni idrauliche in acciaio, altiforni, acciaierie e laminatoi, grandi serbatoi, grandi condotte, caldaie e centrali elettriche;
- Lavori in fossati, trincee, pozzi e gallerie di miniera;
- Lavori in terra e in roccia;
- Lavori in miniere sotterranee, miniere a cielo aperto e lavori di spostamento di ammassi di sterile;
- Uso di estrattori di bulloni;
- Brillatura mine;
- Lavori in ascensori e montacarichi, apparecchi di sollevamento, gru e nastri trasportatori;
- Lavori nei pressi di altiforni, in impianti di riduzione diretta, in acciaierie, in laminatoi, in stabilimenti metallurgici, in impianti di fucinatura a maglio e a stampo, nonché in fonderie;
- Lavori in forni industriali, contenitori, apparecchi, silos, tramogge e condotte;
- Costruzioni navali;
- Smistamento ferroviario;
- Macelli.

2. PROTEZIONE DEL PIEDE.

Scarpe di sicurezza con suola imperforabile.
- Lavori di rustico, di genio civile e lavori stradali;
- Lavori su impalcature;
- Demolizioni di rustici;
- Lavori in calcestruzzo ed in elementi prefrabbricati con montaggio e smontaggio di armature;
- Lavori in cantieri edili e in aree di deposito;
- Lavori su tetti.

Scarpe di sicurezza senza suola imperforabile.
- Lavori su ponti d'acciaio, opere edili in strutture di grande altezza, piloni, torri, ascensori e montacarichi, costruzioni idrauliche in acciaio, altiforni, acciaierie, laminatoi, grandi contenitori, grandi condotte, gru, caldaie, e impianti elettrici;
- Costruzioni di forni, installazione di impianti di riscaldamento e di aerazione, nonché montaggio di costruzioni metalliche;
- Lavori di trasformazione e di manutenzione;
- Lavori in altiforni, impianti di riduzione diretta, acciaierie e laminatoi, stabilimenti metallurgici, impianti di fucinatura a maglio e a stampo, impianti di pressatura a caldo e di trafilatura;
- Lavori in cave di pietra, miniere a cielo aperto e rimozione di discarica;
- Lavorazione e finitura di pietre;
- Produzione di vetri piani e di vetri cavi, nonché lavorazione e finitura;
- Manipolazione di stampi nell'industria della ceramica;
- Lavori di rivestimenti in prossimità del forno nell'industria della ceramica;
- Lavori nell'industria della ceramica pesante e nell'industria dei materiali da costruzione;
- Movimentazione e stoccaggio;
- Manipolazione di blocchi di carni surgelate e di contenitori metallici di conserve;
- Costruzioni navali;
- Smistamento ferroviario.

Scarpe di sicurezza con tacco o con suola continua e con intersuola imperforabile.
- Lavori sui tetti.

Scarpe di sicurezza con intersuola termoisolante.
- Attività su e con masse molto fredde o ardenti.

Scarpe di sicurezza a slacciamento rapido.
- In caso di rischio di penetrazione di masse incandescenti fuse.

3. PROTEZIONE DEGLI OCCHI O DEL VOLTO.

Occhiali di protezione, visiere o maschere di protezione.
- Lavori di saldatura, molatura e tranciatura;
- Lavori di mortasatura e di scalpellatura;
- Lavorazione e finitura di pietre;
- Uso di estrattori di bulloni;
- Impiego di macchine asportatrucioli durante la lavorazione di materiali che producono trucioli corti;
- Fucinatura a stampo;
- Rimozione e frantumazione di schegge;
- Operazioni di sabbiatura;
- Manipolazione di prodotti acidi e alcalini, disinfettanti e detergenti corrosivi;
- Impiego di pompe a getto liquido;
- Manipolazione di masse incandescenti fuse o lavori in prossimità delle stesse;
- Lavori che comportano esposizione al calore radiante;
- Impiego di laser.

4. PROTEZIONE DELLE VIE RESPIRATORIE.

Autorespiratori.
- Lavori in contenitori, in vani ristretti ed in forni industriali riscaldati a gas, qualora sussista il rischio di intossicazione da gas o di carenza di ossigeno.
- Lavoro nella zona di caricamento dell'altoforno;
- Lavori in prossimità dei convertitori e delle condutture di gas di altoforno;
- Lavori in prossimità della colata in siviera qualora sia prevedibile che se ne sprigionino fumi di metalli pesanti;
- Lavori di rivestimento di forni e di siviere qualora sia prevedibile la formazione di polveri;
- Verniciatura a spruzzo senza sufficiente aspirazione;
- Lavori in pozzetti, canali ed altri vani sotterranei nell'ambito della rete fognaria;
- Attività in impianti frigoriferi che presentino un rischio di fuoriuscita del refrigerante.

5. PROTEZIONE DELL'UDITO.

Otoprotettori.
- Lavori nelle vicinanze di presse per metalli;
- Lavori che implicano l'uso di utensili pneumatici;
- Attività del personale a terra negli aeroporti;
- Battitura di pali e costipazione del terreno;
- Lavori nel legname e nei tessili.

6. PROTEZIONE DEL TRONCO, DELLE BRACCIA E DELLE MANI.

Indumenti protettivi.
- Manipolazione di prodotti acidi e alcalini, disinfettanti e detergenti corrosivi;
- Lavori che comportano la manipolazione di masse calde o la loro vicinanza o comunque un'esposizione al calore;
- Lavorazione di vetri piani;
- Lavori di sabbiatura;
- Lavori in impianti frigoriferi.

Indumenti protettivi difficilmente infiammabili.

- Lavori di saldatura in ambienti ristretti.
Grembiuli imperforabili.

- Operazioni di disossamento e di squartamento nei macelli;
- Lavori che comportano l'uso di coltelli, nel caso in cui questi siano mossi in direzione del corpo.
Grembiuli di cuoio.

- Saldatura;
- Fucinatura;
- Fonditura;
Bracciali.

- Operazioni di disossamento e di squartamento nei macelli.
Guanti.

- Saldatura;
- Manipolazione di oggetti con spigoli vivi, esclusi i casi in cui sussista il rischio che il guanto rimanga impigliato nelle macchine;
- Manipolazione a cielo aperto di prodotti acidi e alcalini.
Guanti a maglia metallica.

- Operazione di disossamento e di squartamento nei macelli;
- Attività protratta di taglio con il coltello nei reparti di produzione e macellazione;
- Sostituzione di coltelli nelle taglierine.

7. INDUMENTI DI PROTEZIONE CONTRO LE INTEMPERIE.

- Lavori edili all'aperto con clima piovoso e freddo.

8. INDUMENTI FOSFORESCENTI (77).

- Lavori in cui è necessario percepire in tempo la presenza dei lavoratori.

9. Attrezzatura di protezione anticaduta (imbracature di sicurezza).

- Lavori su impalcature;
- Montaggio di elementi prefabbricati;
- Lavori su piloni.

10. Attacco di sicurezza con corda.

- Posti di lavoro in cabine sopraelevate di gru;
- Posti di lavoro in cabine di manovra sopraelevate di transelevatori;
- Posti di lavoro sopraelevati su torri di trivellazione;
- Lavori in pozzi e in fogne.

11. Protezione dell'epidermide.

- Manipolazione di emulsioni;
- Concia di pellami.

(76) Dizione così modificata dall'art. 28, D.Lgs. 19 marzo 1996, n. 242, riportato al n. A/XL.
(77) Dizione così modificata dall'art. 28, D.Lgs. 19 marzo 1996, n. 242, riportato al n. A/XL.

ALLEGATO VI

Elementi di riferimento

1. Caratteristiche del carico.

La movimentazione manuale di un carico può costituire un rischio tra l'altro dorso-lombare nei casi seguenti:
- il carico è troppo pesante (kg 30);
- è ingombrante o difficile da afferrare;
- è in equilibrio instabile o il suo contenuto rischia di spostarsi;
- è collocato in una posizione tale per cui deve essere tenuto o maneggiato ad una certa distanza dal tronco o con una torsione o inclinazione del tronco;
- può, a motivo della struttura esterna e/o della consistenza, comportare lesioni per il lavoratore, in particolare in caso di urto.

2. Sforzo fisico richiesto.

Lo sforzo fisico può presentare un rischio tra l'altro dorso-lombare nei seguenti casi:
- è eccessivo;
- può essere effettuato soltanto con un movimento di torsione del tronco;
- può comportare un movimento brusco del carico;
- è compiuto con il corpo in posizione instabile.

3. Caratteristiche dell'ambiente di lavoro.

Le caratteristiche dell'ambiente di lavoro possono aumentare le possibilità di rischio tra l'altro dorso-lombare nei seguenti casi:
- lo spazio libero, in particolare verticale, è insufficiente per lo svolgimento dell'attività richiesta;
- il pavimento è ineguale, quindi presenta rischi di inciampo o di scivolamento per le scarpe calzate dal lavoratore;
- il posto o l'ambiente di lavoro non consentono al lavoratore la movimentazione manuale di carichi a un'altezza di sicurezza o in buona posizione;
- il pavimento o il piano di lavoro presenta dislivelli che implicano la manipolazione del carico a livelli diversi;
- il pavimento o il punto di appoggio sono instabili;
- la temperatura, l'umidità o la circolazione dell'aria sono inadeguate.

4. Esigenze connesse all'attività.

L'attività può comportare un rischio tra l'altro dorso-lombare se comporta una o più delle seguenti esigenze:
- sforzi fisici che sollecitano in particolare la colonna vertebrale, troppo frequenti o troppo prolungati;
- periodo di riposo fisiologico o di recupero insufficiente;
- distanze troppo grandi di sollevamento, di abbassamento o di trasporto;
- un ritmo imposto da un processo che non può essere modulato dal lavoratore.

FATTORI INDIVIDUALI DI RISCHIO.

Il lavoratore può correre un rischio nei seguenti casi:
- inidoneità fisica a svolgere il compito in questione;
- indumenti, calzature o altri effetti personali inadeguati portati dal lavoratore;
- insufficienza o inadeguatezza delle conoscenze o della formazione.

ALLEGATO VII

Prescrizioni minime

Osservazione preliminare.
Gli obblighi previsti dal presente allegato si applicano al fine di realizzare gli obiettivi del titolo VI e qualora gli elementi esistano sul posto di lavoro e non contrastino con le esigenze o caratteristiche intrinseche della mansione.

1. ATTREZZATURE.

a) Osservazione generale.
L'utilizzazione in sé dell'attrezzatura non deve essere fonte di rischio per i lavoratori.
b) Schermo.
I caratteri sullo schermo devono avere una buona definizione e una forma chiara, una grandezza sufficiente e vi deve essere uno spazio adeguato tra i caratteri e le linee.
L'immagine sullo schermo deve essere stabile; esente da sfarfallamento o da altre forme d'instabilità.
La brillanza e/o il contrasto tra i caratteri e lo sfondo dello schermo devono essere facilmente regolabili da parte dell'utilizzatore del videoterminale e facilmente adattabili alle condizioni ambientali.
Lo schermo deve essere orientabile ed inclinabile liberamente e facilmente per adeguarsi alle esigenze dell'utilizzatore.
È possibile utilizzare un sostegno separato per lo schermo o un piano regolabile.
Lo schermo non deve avere riflessi e riverberi che possano causare molestia all'utilizzatore.
c) Tastiera.
La tastiera dev'essere inclinabile e dissociata dallo schermo per consentire al lavoratore di assumere una posizione confortevole e tale da non provocare l'affaticamento delle braccia o delle mani.
Lo spazio davanti alla tastiera dev'essere sufficiente onde consentire un appoggio per le mani e le braccia dell'utilizzatore.
La tastiera deve avere una superficie opaca onde evitare i riflessi.
La disposizione della tastiera e le caratteristiche dei tasti devono tendere ad agevolare l'uso della tastiera stessa.
I simboli dei tasti devono presentare sufficiente contrasto ed essere leggibili dalla normale posizione di lavoro.
d) Piano di lavoro.
Il piano di lavoro deve avere una superficie poco riflettente, essere di dimensioni sufficienti e permettere una disposizione flessibile dello schermo, della tastiera, dei documenti e del materiale accessorio.
Il supporto per i documenti deve essere stabile e regolabile e deve essere collocato in modo tale da ridurre al massimo i movimenti fastidiosi della testa e degli occhi.
È necessario uno spazio sufficiente che permetta ai lavoratori una posizione comoda.
e) Sedile di lavoro.
Il sedile di lavoro dev'essere stabile, permettere all'utilizzatore una certa libertà di movimento ed una posizione comoda.
I sedili debbono avere altezza regolabile.
Il loro schienale deve essere regolabile in altezza e in inclinazione.
Un poggiapiedi sarà messo a disposizione di coloro che lo desiderino.

2. AMBIENTE (78).

a) Spazio.
Il posto di lavoro deve essere ben dimensionato e allestito in modo che vi sia spazio sufficiente per permettere cambiamenti di posizione e di movimenti operativi.
b) Illuminazione.
L'illuminazione generale ovvero l'illuminazione specifica (lampade di lavoro) devono garantire un'illuminazione sufficiente ed un contrasto appropriato tra lo schermo e l'ambiente, tenuto conto delle caratteristiche del lavoro e delle esigenze visive dell'utilizzatore.
Fastidiosi abbagliamenti e riflessi sullo schermo o su altre attrezzature devono essere evitati strutturando l'arredamento del locale e del posto di lavoro in funzione dell'ubicazione delle fonti di luce artificiale e delle loro caratteristiche tecniche.
c) Riflessi e abbagliamenti.
I posti di lavoro devono essere sistemati in modo che le fonti luminose quali le finestre e le altre aperture, le pareti trasparenti o traslucide, nonché le attrezzature e le pareti di colore chiaro non producano riflessi sullo schermo.
Le finestre devono essere munite di un opportuno dispositivo di copertura regolabile per attenuare la luce diurna che illumina il posto di lavoro.
d) Rumore.
Il rumore emesso dalle attrezzature appartenenti al/ai posto/i di lavoro deve essere preso in considerazione al momento della sistemazione del posto di lavoro, in particolare al fine di non perturbare l'attenzione e la comunicazione verbale.
e) Calore.
Le attrezzature appartenenti al/ai posto/i di lavoro non devono produrre un eccesso di calore che possa essere fonte di disturbo per i lavoratori.
f) Radiazioni.
Tutte le radiazioni, eccezion fatta per la parte visibile dello spettro elettromagnetico, devono essere ridotte a livelli trascurabili dal punto di vista della tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori.
g) Umidità.
Si deve fare in modo di ottenere e mantenere un'umidità soddisfacente.

3. INTERFACCIA ELABORATORE/UOMO (79).

All'atto dell'elaborazione, della scelta, dell'acquisto del software, o allorché questo viene modificato, come anche nel definire le mansioni che implicano l'utilizzazione di unità videoterminali, il datore di lavoro terrà conto dei seguenti fattori:
a) il software deve essere adeguato alla mansione da svolgere;
b) il software deve essere di facile uso e, se del caso, adattabile a livello di conoscenza e di esperienza dell'utilizzatore; nessun dispositivo o controllo quantitativo o qualitativo può essere utilizzato all'insaputa dei lavoratori;
c) i sistemi debbono fornire ai lavoratori delle indicazioni sul loro svolgimento;
d) i sistemi devono fornire l'informazione di un formato e ad un ritmo adeguato agli operatori;
e) i princìpi dell'ergonomia devono essere applicati in particolare all'elaborazione dell'informazione da parte dell'uomo.

(78) Paragrafo così inserito dall'art. 29, D.Lgs. 19 marzo 1996, n. 242, riportato al n. A/XL.
(79) Paragrafo così inserito dall'art. 29, D.Lgs. 19 marzo 1996, n. 242, riportato al n. A/XL.

ALLEGATO VIII (80)
[(Art. 61, comma 1, lettera a), numero 3), e art. 72, comma 2, lettera a)]

Elenco di sostanze, preparati e processi
1. Produzione di auramina col metodo Michler.
2. I lavori che espongono agli idrocarburi policiclici aromatici presenti nella fuliggine, nel catrame o nella pece di carbone.
3. Lavori che espongono alle polveri, fumi e nebbie prodotti durante il raffinamento del nichel a
temperature elevate.
4. Processo agli acidi forti nella fabbricazione di alcool isopropilico.
5. Il lavoro comportante l'esposizione a polvere di legno duro [1].

[1] Un elenco di tipi di legno duro figura nel volume 62 delle monografie sulla valutazione dei rischi cancerogeni per la salute umana "Wood Dust and Formaldehyde" pubblicato dal Centro internazionale di ricerca sul cancro, Lione 1995.
(80) Articolo così sostituito dall'art. 9, D.Lgs. 25 febbraio 2000, n. 66.

ALLEGATO VIII-bis (81)
[(art. 61, comma 2; art. 62, comma 3 e art. 72, comma 2, lettera a)]

Valori limite di esposizione professionale
Nome agenteEINECS
[1]CAS [2]Valore limite di esposizione professionale Osservazioni Misure transitorieMg/m3 [3]ppm [4]Benzene200-753-771-43-23,25 [5]1 [5]Pelle [6]Sino al 31 dicembre 2001 il valore limite è di 3 ppm (=9,75mg/m3)Cloruro di vinile monomero200-83175-01-47,77 [5]3 [5]--Polveri di legno--5,00 [5] [7]
[1] EINECS: Inventario europeo delle sostanze chimiche esistenti (European Inventory of Existing Chemical Susbstances).
[2] CAS: Numero Chemical Abstract Service.
[3] mg/m3 = milligrammi per metro cubo d'aria a 20° e 101,3 Kpa (corrispondenti a 760 mm di mercurio).
[4] ppm = parti per milione nell'aria (in volume: ml/m3).
[5] Valori misurati o calcolati in relazione ad un periodo di riferimento di otto ore.
[6] Sostanziale contributo al carico corporeo totale attraverso la possibile esposizione cutanea.
[7] Frazione inalabile; se le polveri di legno duro sono mescolate con altre polveri di legno, il valore limite si applica a tutte le polveri di legno presenti nella miscela in questione.

(81) Allegato aggiunto dall'art. 10, D.Lgs. 25 febbraio 2000, n. 66.

ALLEGATO IX

Elenco esemplificativo di attività lavorative che possono comportare la presenza di agenti biologici
1. Attività in industrie alimentari.
2. Attività nell'agricoltura.
3. Attività nelle quali vi è contatto con animali e/o con prodotti di origine animale.
4. Attività nei servizi sanitari, comprese le unità di isolamento e post mortem.
5. Attività nei laboratori clinici, veterinari e diagnostici, esclusi i laboratori di diagnosi microbiologica.
6. Attività in impianti di smaltimento rifiuti e di raccolta di rifiuti speciali potenzialmente infetti.
7. Attività negli impianti per la depurazione delle acque di scarico.

ALLEGATO X

Segnale di rischio biologico
(omissis)

ALLEGATO XI (82)

Elenco degli agenti biologici classificati
1. Sono inclusi nella classificazione unicamente gli agenti di cui è noto che possono provocare malattie infettive in soggetti umani.
I rischi tossico ovvero allergenico eventualmente presenti sono indicati a fianco di ciascun agente in apposita colonna.
Non sono stati presi in considerazione gli agenti patogeni di animali e piante di cui è noto che non hanno effetto sull'uomo.
In sede di compilazione di questo primo elenco di agenti biologici classificati non si è tenuto conto dei microrganismi geneticamente modificati.
2. La classificazione degli agenti biologici si basa sull'effetto esercitato dagli stessi su lavoratori sani.
Essa non tiene conto dei particolari effetti sui lavoratori la cui sensibilità potrebbe essere modificata da altre cause quali malattia preesistente, uso di medicinali, immunità compromessa, stato di gravidanza o allattamento, fattori dei quali è tenuto conto nella sorveglianza sanitaria di cui all'art. 95.
3. Gli agenti biologici che non sono stati inclusi nei gruppi 2, 3, 4 dell'elenco non sono implicitamente inseriti nel gruppo 1.
Per gli agenti di cui è nota per numerose specie la patogenicità per l'uomo, l'elenco comprende le specie più frequentemente implicate nelle malattie, mentre un riferimento di carattere più generale indica che altre specie appartenenti allo stesso genere possono avere effetti sulla salute dell'uomo.
Quando un intero genere è menzionato nell'elenco degli agenti biologici, è implicito che i ceppi e le specie definiti non patogeni sono esclusi dalla classificazione.
4. Quando un ceppo è attenuato o ha perso geni notoriamente virulenti, il contenimento richiesto dalla classificazione del ceppo parentale non è necessariamente applicativo a meno che la valutazione del rischio da esso rappresentato sul luogo di lavoro non lo richieda.
5. Tutti i virus che sono già stati isolati nell'uomo e che ancora non figurano nel presente allegato devono essere considerati come appartenenti almeno al gruppo due, a meno che sia provato che non possono provocare malattie nell'uomo.
6. Taluni agenti classificati nel gruppo tre ed indicati con doppio asterisco (**) nell'elenco allegato possono comportare un rischio di infezione limitato perché normalmente non sono veicolati dall'aria. Nel caso di particolari attività comportanti l'utilizzazione dei suddetti agenti, in relazione al tipo di operazione effettuata e dei quantitativi impiegati può risultare sufficiente, per attuare le misure di cui ai punti 2 e 13 dell'allegato XII ed ai punti 2,3, 5 dell'allegato XIII, assicurare i livelli di contenimento ivi previsti per gli agenti del gruppo 2.
7. Le misure di contenimento che derivano dalla classificazione dei parassiti si applicano unicamente agli stadi del ciclo dei parassiti che possono essere infettivi per l'uomo.
8. L'elenco contiene indicazioni che individuano gli agenti biologici che possono provocare reazioni allergiche o tossiche, quelli per i quali è disponibile un vaccino efficace e quelli per i quali è opportuno conservare per almeno dieci anni l'elenco dei lavoratori che hanno operato in attività con rischio di esposizione a tali agenti.
Tali indicazioni sono:
A: possibili effetti allergici;
D: l'elenco dei lavoratori che hanno operato con detti agenti deve essere conservato per almeno dieci anni dalla cessazione dell'ultima attività comportante rischio di esposizione;
T: produzione di tossine;
V: vaccino efficace disponibile.

(82) Allegato così sostituito dall'art. 1, D.M. 12 novembre 1999 (Gazz. Uff. 27 gennaio 2000, n. 21).

Batteri e organismi simili

N.B. - Per gli agenti che figurano nel presente elenco la menzione "spp" si riferisce alle altre specie riconosciute patogene per l'uomo
Agente biologico Classificazione Rilievi Actinobacillus actinomycetemcomitans2Actinomadura madurae2Actinomadura pelletieri2Actinomyces gereneseriae2Actinomyces israelli2Actinomyces pyogenes2Actinomyces spp2Arcanobacterium haemolyticum (Corynebacterium haemolyticum)2Bacillus anthracis3Bacteroldes fragilis2Bartonella bacilliformis2Bartonella (Rochalimea) spp2Bartonella quintana (Rochalimea quintana)2Bordetella bronchiseptica2Bordetella parapertussis2Bordetella pertussis2VBorrelia burgdorferi2Borrelia duttonii2Borrelia recurrentis2Borelia spp2Brucella abortus3Brucella canis3Brucella melitensis3Brucella suis3Burkholderia mallei (pseudomonas mallei)3Burkhlderia pseudomallei (pseudomonas pseudomallei)3Campylobacter fetus2Campylobacter jejuni2Campylobacter spp2Cardiobacterium hominis2Chlamydia pneumoniae2Chlamydia trachomatis2Chlamydia psittaci (ceppi aviari)3Chlamydia psittaci (ceppi non aviari)2Clostridium botulinum2TClostridium perfringens2Clostridium tetani2T, VClostridium spp2Corynebacterium diphtheriae2T, VCorynebacterium minutissimum2Corynebacterium pseudotuberculosis2Corynebacterium spp2Coxiella bumetii3Edwardsiella tarda2Ehrlichia sennetsu (Rickettsia sennetsu)2Ehrlichia spp2Eikenella corrodens2Enterobacter aerogenes/cloacae2Enterobacter spp2Enterococcus spp2Erysipelothrix rhusiopathiae2Escherichia coli (ad eccezione dei ceppi non patogeni)2Escherichia coli, ceppi verocitotossigenici (es. O157:H7 oppure O103)3 (**)TFlavobacterium meningosepticum2Fluoribacter bozemanii (Legionella)2Francisella tularensis (Tipo A)3Francisella tularensis (Tipo B)2Fusobacterium necrophorum2Gardnerella vaginalis2Haemophilus ducreyl2Haemophilus influenzae2VHaemophilus spp2Helicobacter pylori2Klebsiella oxytoca2Klebsiella pnumoniae2Klebsiella spp2Legionella pneumophila2Legionella spp2Leptospira interrogans (tutti i serotipi)2Listeria manocytogenes2Listeria ivanovil2Morganella morganii2Mycobacterium africanum3VMycobacterium avium/Intracellulare2Mycobacterium bovis (ad eccezione del ceppo BCG)3VMycobacterium chelonae2Mycobacterium fortuitum2Mycobacterium kansasii2Mycobacterium leprae3Mycobacterium malmoense2Mycobacterium marinum2Mycobacterium microti3 (**)Mycobacterium paratuberculosis2Mycobacterium scrofulaceum2Mycobacterium simiae2Mycobacterium szulgai2Mycobacterium tuberculosis3VMycobacterium ulcerans3 (**)Mycobacterium xenopi2Mycoplasma caviae2Mycoplasma hominis2Mycoplasma pneumoniae2Neisseria gonorrhoeae2Neisseria meningitidis2VNocardia asteroides2Nocardia brasiliensis2Nocardia farcinica2Nocardia nova2Nocardia otitidiscaviarum2Pasteurella multocida2Pasteurella app2Peptostreptococcus anaerobius2Plesiomonas shigelloides2Porphyromonas spp2Prevotella spp2Proteus mirabilis2Proteus penneri2Proteus vulgaris2Providencia alcalifaciens2Providencia rettgeri2Providencia spp2Pseudomonas aeruginosa2Rhodococcus equi2Rickettsia akari3 (**)Rickettsia canada3 (**)Rickettsia conorii3 Rickettsia montana3 (**)Rickettsia typhi (Rickettsia mooseri)3Rickettsia prowazekii3Rickettsia rickettsii3Rickettsia tsutsugamushi3Rickettsia spp2Salmonella arizonae2Salmonella enteritidis2Salmonella typhimurium2Salmonella paratyphi A, B, C2VSalmonella typhi3 (**)VSalmonella (altre varietà serologiche)2Serpulina spp2Shigella boydii2Shigella dysenteriae (Tipo 1)(3**)TShigella dysenteriae, diverso dal Tipo 12Shigella fiexneri2Shigella sonnei2Staphylococcus aureus2Streptobacillus moniliformis2Streptococcus pneumoniae2Streptococcus pyogenes2Streptococcus spp2Streptococcus suis2Treponema carateum2Treponema pallidum2Treponema pertenue2Treponema spp2Vibrio cholerae (incluso El Tor)2Vibrio parahaemolyticus2Vibrio spp2Yersinia enterocolitica2Yersinia pestis3VYersinia pseudotuberculois2Yersinia spp2

(**) vedi introduzione punto 6

Virus (*)
Agente biologicoClassificazioneRilieviAdenoviridae2Arenaviridae:LCM-Lassa Virus complex (Arenavirus del Vecchio Mondo):Virus Lassa4Virus della coriomeningite linfocitaria (ceppi neurotropi)3Virus della coriomeningite linfocitaria (altri ceppi)2Virus Mopeia2Altri LCM-Lassa Virus complex2Virus complex Tacaribe (Arenavirus del Nuovo Mondo):Virus Guanarito4Virus Junin4Virus Sabia4Virus Machupo4Virus Flexal3Altri Virus del Complesso Tacaribe2Astroviridae2Bunyaviridae:Bhanja2Virus Bunyamwera2Gemiston2Virus Oropouche3Virus dell'encefalite Californiana2Hantavirus:Hantaan (febbre emorragica coreana)3Belgrado (noto anche come Dobrava)3Seoul-Virus3Sin Nombre (ex Muerto Canyon)3Puumala-Virus2Prospect Hill-Virus2Altri Hantavirus2Nairovirus:Virus della febbre emorragica di Crimea/Congo4Virus Hazara2Phlebovirus:Febbre della Valle del Rift3VFebbre da Flebotomi2Virus Toscana2Altri bunyavirus noti come patogeni2Caliciviridae:Virus dell'epatite E3 (**)Norwalk-Virus2Altri Caliciviridae2Coronaviridae2Filoviridae:Virus Ebola4Virus di marburg4Flaviviridae:Encefalite d'Australia (Encefalite della Valle Murray)3Virus dell'encefalite da zecca dell'Europa Centrale3 (**)VAbsettarov3Hanzalova3Hypr3Kumlinge3Virus della dengue tipi 1-43Virus dell'epatite C3 (**)DVirus dell'epatite G3 (**)DEncefalite B giapponese3VForesta di Kyasanur3VLouping ill3 (**)Omsk (a)3VPowassan3Rocio3Encefalite verno-estiva russa (a)3VEncefalite di St. Louis3Virus Wesselsbron3 (**)Virus della Valle del Nilo3Febbre gialla3VAltri flavivirus noti per essere patogeni2Hepadnaviridae:Virus dell'epatite B3 (**)V, DVirus dell'epatite D (Delta) (b)3 (**)V, DHerpesviridae:Cytomegalovirus2Virus d'Epstein-Barr2Herpesvirus simiae (B virus)3Herpes simplex virus tipi 1 e 22Herpesvirus varicella-zoster2Virus Herpes dell'uomo tipo 72Virus Herpes dell'uomo tipo 82DVirus linfotropo B dell'uomo (HBLV-HHV6)2Orthomyxoviridae:Virus influenzale tipi A, B e C2V (c)Orthomyxoviridae trasmesse dalle zecche: Virus Dhori e Thogoto2Papovaviridae:Virus BK e JC2D (d)Papillomavirus dell'uomo2D (d)Paramyxoviridae:Virus del morbillo2VVirus della parotite2VVirus della malattia di Newcastle2Virus parainfluenzali tipi 1-42Virus respiratorio sinciziale2Parvoviridae:Parvovirus dell'uomo (B 19)2Picornaviridae:Virus della congiuntivite emorragica (AHC)2Virus Coxackie2Virus Echo2Virus dell'epatite A (enterovirus dell'uomo tipo 72)2VVirus della poliomielite2VRhinovirus2Poxviridae:Buffalopox virus (e)2Cowpox virus2Elephantpox Virus (f)2Virus del nodulo dei mungitori2Molluscum contagiosum virus2Monkeypox virus3VOrf virus2Rabbitpox virus (g)2Vaccinia virus2Variola (mayor & minor) virus4VWhitepox virus (variola virus)4VYatapox virus (Tana & Yaba)2Reoviridae:Coltivirus2Rotavirus umano2Orbivirus2Reovirus2RetroviridaeVirus della sindrome di immunodeficienza umana (AIDS)3 (**)DVirus di leucemie umane a cellule T (HTLV) tipi 1 e 23 (**)D
SIV (h)3 (**)Rhabdoviridae:Virus della rabbia3 (**)VVirus della stomatite vescicolosa2Togaviridae:Alfavirus:Encefalomielite equina dell'America dell'est3VVirus Bebaru2Virus Chikungunya3 (**)Virus Everglades3 (**)Virus Mayaro3Virus Mucambo3 (**)Virus Ndumu3Virus O'nyong-nyong2Virus del fiume Ross2Virus della foresta di Semliki2Virus Sindbis2Virus Tonate3 (**)Encefalomielite equina del Venezuela3VEncefalomielite equina dell'America dell'Ovest3VAltri alfavirus noti2Rubivirus (rubella)2VToroviridae:2Virus non classificati:Virus dell'epatite non ancora identificati3 (**)DMorbillivirus equino4Agenti non classici associati con le encefaliti spongiformi trasmissibili (TSE) (i):Morbo di Creutzfeldt-Jakob3 (**)D (d)Variante del morbo di Creutzfeldt-Jacob3 (**)D (d)Encefalite spongiforme bovina (BSE) ed altre TSE degli animali a
queste associate3 (**)D (d)Sindrome di Gerstmann-Stràussler-Scheinker3 (**)D (d)Kuru3 (**)D (d)Note:(*) Vedi introduzione, punto 5.(**) Vedi introduzione, punto 6.a) Tick-borne encefalitis.b) Il virus dell'epatite D esercita il suo potere patogeno nel lavoratore soltanto in caso di infezione simultanea o secondaria rispetto a quella provocata dal virus dell'epatite B. La vaccinazione contro il virus dell'epatite B protegge pertanto i lavoratori non affetti dal virus dell'epatite B contro il virus dell'epatite D (Delta).c) Soltanto per i tipi A e B.d) Raccomandato per i lavori che comportano un contatto diretto con questi agenti.e) Alla rubrica possono essere identificati due virus, un genere "buffalopox" e una variante del virus "vaccinia".f) Variante dei "Cowpox".g) Variante di "Vaccinia".h) Non esiste attualmente alcuna prova di infezione dell'uomo provocata da altri retrovirus di origine scimmiesca. A titolo di precauzione si raccomanda un contenimento di livello 3 per i lavori che comportano un'esposizione di tale retrovirus.i) Non esiste attualmente alcuna prova di infezione dell'uomo provocata dagli agenti responsabili di altre TSE negli animali. Tuttavia a titolo precauzionale, si consiglia di applicare nei laboratori il livello di contenimento 3 (**), ad eccezione dei lavori relativi ad un agente identificato di "scrapie" per cui un livello di contenimento 2 è sufficiente.

Parassiti
Agente biologicoClassificazioneRilieviAcanthamoeba castellaneii2Ancylostoma duodenale2Angiostrongylus cantonensis2Angiostrongylus costaricensis2Ascaris lumbricoides2AAscaris suum2ABabesia divergens2Babesia microti2Balantidium coli2Brugia malayi2Brugia pahangi2Capillaria philippinensis2Capillaria spp2Clonorchis sinensis2Clonorchis viverrini2Cryptosporidium parvum2Cryptosporidium spp2Cyclospora cayetanensis2Dipetalonema streptocerca2Diphyllobothrium latum2Dracunculus medinensis2Echinococcus granulosus3 (**)Echinococcus multilocularis3 (**)Echinococcus vogeli3 (**)Entamoeba histolytica2Fasciola gigantica2Fasciola hepatica2Fasciolopsis buski2Giardia lamblia (Giardia intestinalis)2Hymenolepis diminuta2Hymenolepis nana2Leishmania braziliensis3 (**)Leishmania donovani3 (**)Leishmania aethiopica2Leishmania mexicana2Leishmania peruviana2Leishmania tropica2Leishmania major2Leishmania spp2Loa Loa2Mansonella ozzardi2Mansonella perstans2Naegleria fowieri3Necator americanus2Onchocerca volvulus2Opisthorchis felineus2Opisthorchis spp2Paragonimus westermani2Plasmodium falciparum3 (**)Plasmodium spp (uomo & scimmia)2Sarcocystis suihominis2Schistosoma haematobium2Schistosoma intercalatum2Schistosoma japonicum2Schistosoma mansoni2Schistosoma mekongi2Strongyloides stercolaris2Strongyloides spp2Taenia saginata2Taenia solium3 (**)Toxocara canis2Toxoplasma gondii2Trichinella spiralis2Trichuris trichiura2Trypanosoma brucei brucei2Trypanosoma brucei gambiense2Trypanosoma brucei rhodesiense3 (**)Trypanosoma cruzi3Wuchereria bancrofti2

(**) vedi introduzione, punto 6.

Funghi
Agente biologicoClassificazioneRilieviAspergillus fumigatus2ABlastomyces dermatitidis (Ajellomyces dermatitidis)3Candida albicans2ACandida tropicalis2Cladophialophora bantiana (es. Xylohypha bantiana, Cladosporium bantianum o trichoides)3Coccidioldes immitis3ACryptococcus neoformans var. neoformans (Filobasidiella neoformans var. neoformans)2ACryptococcus neoformans var. gattii (Filobasidiella bacillispora)2AEmmonsia parva var. parva2Emmonsia parva var. crescens2Epidermophyton floccosum2AFonsecaea compacta2Fonsecaea pedrosoi2Histoplasma capsulatum var. capsulatum (Ajellomyces capsulatum)3Histoplasma capsulatum duboisii3Madurella grisea2Madurella mycetomatis2Microsporum spp2ANeotestudina rosatii2Paracoccidioldes brasiliensis3Penicillium marneffei2AScedosporium apiospermum, Pseudallescheria boydii2Scedosporium prolificans (inflantum)2Sporothrix schenckii2Trichophyton rubrum2Trichopyton spp2

ALLEGATO XII

Specifiche sulle misure di contenimento e sui livelli di contenimento

Nota preliminare:
Le misure contenute in questo allegato debbono essere applicate in base alla natura delle attività, la
valutazione del rischio per i lavoratori e la natura dell'agente biologico di cui trattasi.

Tabelle
..........

.........

ALLEGATO XIII

Specifiche per processi industriali
Agenti biologici del gruppo 1
Per le attività con agenti biologici del gruppo 1, compresi i vaccini spenti, si osserveranno i princìpi di una buona sicurezza ed igiene professionali.
Agenti biologici dei gruppi 2, 3 e 4
Può risultare opportuno selezionare ed abbinare specifiche di contenimento da diverse categorie tra quelle sottoindicate, in base ad una valutazione di rischio connessa con un particolare processo o parte di esso.

Tabelle
..........

.........

ALLEGATO XIV (83)


Elenco delle attrezzature da sottoporre a verifica:
1) scale aeree ad inclinazione variabile;
2) ponti mobili sviluppabili su carro;
3) ponti sospesi muniti di argano;
4) idroestrattori centrifughi con diametro esterno del paniere > 50 cm;
5) funi e catene di impianti ed apparecchi di sollevamento;
6) funi e catene di impianti ed apparecchi di trazione;
7) gru e apparecchi di sollevamento di portata > 200 kg;
8) organi di trazione, di attacco e dispositivi di sicurezza dei piani inclinati;
9) macchine e attrezzature per la lavorazione di esplosivi;
10) elementi di ponteggio;
11) ponteggi metallici fissi;
12) argani dei ponti sospesi;
13) funi dei ponti sospesi;
14) armature degli scavi;
15) freni dei locomotori;
16) micce;
17) materiali recuperati da costruzioni sceniche;
18) opere sceniche;
19) riflettori e batterie di accumulatori mobili;
20) teleferiche private;
21) elevatori trasferibili;
22) ponteggi sospesi motorizzati;
23) funi dei ponteggi sospesi motorizzati;
24) ascensori e montacarichi in servizio privato;
25) apparecchi a pressione semplici;
26) apparecchi a pressione di gas;
27) generatori e recipienti di vapore d'acqua;
28) generatori e recipienti di liquidi surriscaldati;
29) forni per oli minerali;
30) generatori di calore per impianti di riscaldamento ad acqua calda;
31) recipienti per trasporto di gas compressi, liquefatti e disciolti.

(83) Allegato aggiunto dall'art. 7, D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 359 (Gazz. Uff. 19 ottobre 1999, n. 246), entrato in vigore sei mesi dopo la sua pubblicazione.

ALLEGATO XV (84)

Prescrizioni supplementari applicabili alle attrezzature di lavoro specifiche
0. Osservazione preliminare.
Le disposizioni del presente allegato si applicano allorché esiste, per l'attrezzatura di lavoro considerata, un rischio corrispondente.
Ai fini del loro adempimento ed in quanto riferite ad attrezzature in esercizio, esse non richiedono necessariamente l'adozione delle stesse misure corrispondenti ai requisiti essenziali applicabili alle attrezzature di lavoro nuove.
1. Prescrizioni applicabili alle attrezzature di lavoro mobili, semoventi o non semoventi.
1.1. Qualora il bloccaggio intempestivo degli elementi di trasmissione d'energia accoppiabili tra un'attrezzatura di lavoro mobile e suoi accessori e traini possa provocare rischi specifici, l'attrezzatura di lavoro deve essere attrezzata o sistemata in modo tale da impedire il bloccaggio degli elementi di trasmissione d'energia.
Nel caso in cui tale bloccaggio non possa essere impedito, dovrà essere presa ogni precauzione possibile per evitare conseguenze pregiudizievoli per i lavoratori.
1.2. Se gli organi di trasmissione di energia accoppiabili tra attrezzature di lavoro mobili rischiano di sporcarsi e di rovinarsi strisciando al suolo, si devono prevedere possibilità di fissaggio.
1.3. Le attrezzature di lavoro mobili con lavoratore o lavoratori a bordo devono limitare, nelle condizioni di utilizzazione reali, i rischi derivanti da un ribaltamento dell'attrezzatura di lavoro:
a) mediante una struttura di protezione che impedisca all'attrezzatura di ribaltarsi di più di un quarto di giro,
b) ovvero mediante una struttura che garantisca uno spazio sufficiente attorno al lavoratore o ai lavoratori trasportati a bordo qualora il movimento possa continuare oltre un quarto di giro,
c) ovvero da qualsiasi altro dispositivo di portata equivalente.
Queste strutture di protezione possono essere integrate all'attrezzatura di lavoro.
Queste strutture di protezione non sono obbligatorie se l'attrezzatura di lavoro è stabilizzata durante tutto il periodo d'uso, oppure se l'attrezzatura di lavoro è concepita in modo da escludere qualsiasi ribaltamento della stessa.
Se sussiste il pericolo che il lavoratore trasportato a bordo, in caso di ribaltamento, rimanga schiacciato tra parti dell'attrezzatura di lavoro e il suolo, deve essere installato un sistema di ritenzione del lavoratore o dei lavoratori trasportati.
1.4. I carrelli elevatori su cui prendono posto uno o più lavoratori devono essere sistemati o attrezzati in modo da limitarne i rischi di ribaltamento, ad esempio:
a) installando una cabina per il conducente;
b) mediante una struttura atta ad impedire il ribaltamento del carrello elevatore;
c) mediante una struttura concepita in modo tale da lasciare, in caso di ribaltamento del carrello elevatore, uno spazio sufficiente tra il suolo e talune parti del carrello stesso per il lavoratore o i lavoratori a bordo;
d) mediante una struttura che trattenga il lavoratore o i lavoratori sul sedile del posto di guida per evitare che, in caso di ribaltamento del carrello elevatore, essi possano essere intrappolati da parti del carrello stesso.
1.5. Le attrezzature di lavoro mobili semoventi il cui spostamento può comportare rischi per le persone devono soddisfare le seguenti condizioni:
a) esse devono essere dotate dei mezzi necessari per evitare la messa in moto non autorizzata;
b) esse devono essere dotate dei mezzi appropriati che consentano di ridurre al minimo le conseguenze di un'eventuale collisione in caso di movimento simultaneo di più attrezzature di lavoro circolanti su rotaia;
c) esse devono essere dotate, qualora considerazioni di sicurezza l'impongano, di un dispositivo di emergenza con comandi facilmente accessibili o automatici che ne consenta la frenatura e l'arresto in caso di guasto del dispositivo di frenatura principale;
d) quando il campo di visione diretto del conducente è insufficiente per garantire la sicurezza, esse devono essere dotate di dispositivi ausiliari per migliorare la visibilità;
e) le attrezzature di lavoro per le quali è previsto un uso notturno o in luoghi bui devono incorporare un dispositivo di illuminazione adeguato al lavoro da svolgere e garantire sufficiente sicurezza ai lavoratori;
f) le attrezzature di lavoro che comportano, di per sé o a causa dei loro carichi o traini, un rischio di incendio suscettibile di mettere in pericolo i lavoratori, devono essere dotate di appropriati dispositivi antincendio a meno che tali dispositivi non si trovino già ad una distanza sufficientemente ravvicinata sul luogo in cui esse sono usate;
g) le attrezzature di lavoro comandate con sistemi immateriali devono arrestarsi automaticamente se escono dal campo di controllo;
h) le attrezzature di lavoro telecomandate che, usate in condizioni normali possono comportare rischi di urto o di intrappolamento dei lavoratori devono essere dotate di dispositivi di protezione contro tali rischi, a meno che non siano installati altri dispositivi per controllare il rischio di urto.
2. Prescrizioni applicabili alle attrezzature di lavoro adibite al sollevamento di carichi.
2.1. Gli accessori di sollevamento devono essere contrassegnati in modo da poterne identificare le caratteristiche essenziali ai fini di un'utilizzazione sicura.
Se l'attrezzatura di lavoro non è destinata al sollevamento di persone, una segnalazione in tal senso dovrà esservi apposta in modo visibile onde non ingenerare alcuna possibilità di confusione.
2.2. Le macchine per il sollevamento o lo spostamento di persone devono essere di natura tale:
a) da escludere qualsiasi rischio di schiacciamento, di intrappolamento oppure di urto dell'utilizzatore, in particolare i rischi dovuti a collisione accidentale;
b) da garantire che i lavoratori bloccati in caso di incidente nell'abitacolo non siano esposti ad alcun pericolo e possano essere liberati.


(84) Allegato aggiunto dall'art. 7, D.Lgs. 4 agosto 1999, n. 359 (Gazz. Uff. 19 ottobre 1999, n. 246),
entrato in vigore sei mesi dopo la sua pubblicazione.





Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 
faccialibrodef.jpg



mod_vvisit_countervisite oggi2908
mod_vvisit_counterDal 12/06/0915796935

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata