Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
Home arrow Ricerca Giuridica arrow Quadro sulla prescrizione del diritto
Quadro sulla prescrizione del diritto
Indice articolo
Quadro sulla prescrizione del diritto
Pagina 2
Argomenti correlati
 
 
La prescrizione del diritto è una vicenda che determina l’estinzione del diritto stesso o, secondo altra tesi, la paralisi della possibilità di conseguire in giudizio la soddisfazione della pretesa che ne costituisce l’oggetto.
 
Ogni diritto è soggetto a prescrizione secondo il disposto di cui all’art. 2934 cc, allorchè il titolare non lo eserciti per il tempo determinato dalla legge.
 
La prescrizione del diritto è, in via ordinaria, fissata in dieci anni e decorre dal momento in cui il diritto stesso può essere fatto valere.
 
Tra le più rilevanti eccezioni in materia di prescrizione ricordiamo che il diritto al risarcimento del danno da illecito si prescrive in cinque anni salvo che il fatto costituisca illecito penale in quanto, in tale ipotesi, la prescrizione del diritto al risarcimento si matura nel termine previsto per il reato.
 
La prescrizione del diritto alla retribuzione si matura con il decorso del termine di cinque anni ma la stessa non matura in corso di rapporto, salvo che il rapporto di lavoro sia assistito dalla salvaguardia della tutela reale di cui all’art. 18 dello Statuto dei Lavoratori (il diritto all’inquadramento superiore si prescrive invece nel termine di dieci anni).
 
Il diritto di proprietà non si prescrive, salvi gli effetti dell’usucapione.
 
I diritti reali si estinguono per prescrizione in caso di non uso ventennale.
 
Il diritto alle sanzioni amministrative si prescrive con il decorso del termine di cinque anni dalla commessa infrazione (cfr. l’art. 28 della L. n. 689 del 1981).
 
Il diritto avente ad oggetto i contributi di previdenza si prescrive nel termine di cinque anni ed i contributi prescritti, contrariamente alla disciplina generale in materia di prescrizione del diritto, non possono essere versati né accettati dall’ente di previdenza(cfr i commi 9 e 10 dell’art. 3 comma 12 della L. n. 335 del 1995).
 
Il diritto al rateo di pensione si prescrive nel termine di cinque anni dalla relativa maturazione.
 
 
 
 


 
faccialibrodef.jpg



mod_vvisit_countervisite oggi4057
mod_vvisit_counterDal 12/06/0914731529

domiciliazioniprevprof.jpg

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata

Cerca Professionisti