Il portale della previdenza dei professionisti

logo-old.png
jfw_prefett_500x64_small.gif
Home arrow Ricerca Giuridica arrow riciclaggio di denaro e ricettazione
riciclaggio di denaro e ricettazione


il delitto  di riciclaggio

Il delitto di riciclaggio nel codice penale - istituti processuali e giurisprudenza

riciclaggio denaro - l'evoluzione storica

articolo di approfondimento su overlex relativo al delitto di riciclaggio, in particolare vengono analizzate le diverse formulazioni del deltto che si sono succedute nel tempo. L'articolo viene curato dal Dott. Fabrizio Cerbo.


tecniche di riciclaggio di denaro sporco

nell'articolo vengono indicate le più diffuse modalità di riciclaggio di denaro sporco, attraverso società offshore, banche offshore e truffe on line

la UE ed il riciclaggio di denaro

tutti gli atti di normazione comunitaria in merito al riciclaggio del denaro sporco - direttivie e decisioni quadro


riciclaggio e reimpiego dei capitali

il rapporto tra il delitto di riciclaggio e quello di reimpiego dei capitali nella più recente giurisprudenza di legitimità penale


la ricettazione

il delitto di ricettazione - istituti processuali e giurisprudenza



ricettazione e fattispecie limitrofe su altalex

articolo, su altalex, di Dario Colasanti e Ilaria Punzo di approfondimento sul delitto di ricettazione ed ai rapporti con altre fattispecie penali limitrofe com l'incauo acquisto, la detenzione per la vendita ex art. 474 cp e l'indebito utilizzo di carte di credito.


i caratteri strutturali della ricettazione

articolo del dott Flavio Takanen che ripercorre i tratti struturali della ricettazione; i rapporti di presupposizione tra reati e quello con il concorso di persone nel reato
 
Gli artt. 648 e 648 bis contemplano le fattispecie della ricettazione e quella del riciclaggio; si tratta di delitti che si caratterizzano, sotto il profilo strutturale, per il nesso di presupposizione che li lega ad un precedente delitto (non colposo per il riciclaggio).
Commette ricettazione, dunque, chiunque, al fine di procurare a sè o ad altri un profitto, acquista, riceve od occulta denaro o cose provenienti da un qualsiasi delitto o si intromette nel farle acquistare, ricevere od occultare. Commette, invece, riciclaggio chi sostituisce o trasferisce denaro, beni o altre utilità provenienti da delitto non colposo o compie in relazione ad essi altre operazioni, in modo da ostacolare l'identificazione della loro provenienza delittuosa. Il delitto di ricettazione è punito con la pena della reclusione da due a otto anni e con la multa da euro 516,00 a Euro 10.329,00, il delitto di riciclaggio è punito con la oena della reclusione da quattro a dodici anni e con la multa da Euro 1032,00 a Euro 15.493,00.
Il nesso di presupposizione che caratterizza i delitti in esame impone la verifica in ordine ai rapporti che devono sussistere tra il delitto presupposto e quello presupponenete. Secondo l'orientamento consolidato della Suprema Corte, infatti, ai fini dell'integrazione dei delitti di riciclaggio e ricettazione non è necessario che l'autore del delitto presupposto sia concretamente punibile o che il delitto sia stato già accertato con sentenza. E', infatti, sufficiente che il giudice chiamato a conoscere dei delitti presupponenti reputi integrato un delitto presupposto in assenza di cause di giustificazione o di esclusione della colpevolezza.
Ulteriore elemento strutturale che accomuna i delitti di riciclaggio e ricettazione è quello negativo di non essere concorsi nella realizzazione del delitto presupposto; in tale ipotesi, infatti, i delitti presupponenti si considerano assorbiti in quelli presupposti.
L'oggettività giuridica del delitto di riciclaggio è invece alquanto più articolata e complessa rispetto al delitto di ricettazione e ciò è dimostrato dalla netta differenza delle cornici edittali.
Il delitto di riciclaggio è, infatti, comunemente considerato plurioffensivo siccome posto a presidio dell'ordine pubblico, dell'ordine economico finanziario, dell'amministrazione della giustizia oltre che naturalmente del patrimonio della persona offesa dal delitto presupposto.
Il delitto di ricettazione, invece, ha oggettività giuridica più semplice essendo posto essenzialmente a presidio del patrimonio della persona offesa dal delitto presupposto ed avendo la funzione di evitare o limitare le possibilità di ricavare lucro dall'attività criminale già posta in essere e di agevolare nel contempo le attività di indagine.
Quanto all'elemento soggettivo, mentre il delitto di riciclaggio richiede il solo dolo generico, quello di ricettazione prevede il fine specifico di procurare a sè o ad altri un ingiusto profitto; nella nozione di profitto, peraltro, la giurisprudenza fa rientrare qualsivoglia vantaggio che l'autore della ricettazione tragga dal possesso della cosa.

Approfondimenti







Segnala su OK Notizie!Reddit!Del.icio.us! Facebook!
 
faccialibrodef.jpg



mod_vvisit_countervisite oggi1722
mod_vvisit_counterDal 12/06/0914725494

domiciliazioniprevprof.jpg

      SCAPPO IN BRASILE...
       www.ideabrasile.it

bannerprevprof.jpg

 

cerca ancora nel sito

Ricerca personalizzata

Cerca Professionisti